Contenuto sponsorizzato

Grande adesione per lo sciopero dei trasporti, ma che ci faceva una corriera davanti alla Provincia tra i manifestanti?

Mentre lo sciopero è andato molto bene ed ha visto un'adesione del 90% spiccava tra i manifestanti un mezzo di proprietà di Trentino trasporti e di tutta la collettività: a che titolo si trovava in Piazza Dante? 

Di Luca Pianesi - 18 gennaio 2020 - 19:41

TRENTO. Che ci faceva un mezzo pubblico davanti alla Provincia durante la manifestazione con tanto di scritta ''Sciopero'' sul display? La domanda è sorta spontanea all'indomani dell'importante azione sindacale che ha visto scioperare il 90% del personale viaggiante di Trentino trasporti. Una protesta ben riuscita, indetta da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Faisa Cisal per il rinnovo del contratto aziendale che ha visto partecipare, anche durante la manifestazione in Piazza Dante, sotto il palazzo della Provincia, tanti lavoratori con bandiere, fischietti e rappresentanti sindacali al seguito.

 

La protesta ha garantito, comunque, i servizi nelle fasce di punta, ma dalle 8.30 alle 16 davvero pochi mezzi pubblici hanno circolato creando anche diversi disagi fuori città (per esempio segnalazioni di sono arrivate anche da turisti che hanno fatto il biglietto da Trento per Madonna di Campiglio ma a Tione hanno avuto la brutta sorpresa di scoprire che il loro viaggio terminava lì perché era scattato lo sciopero). E non è passato inosservato un mezzo extraurbano parcheggiato davanti alla Provincia con scritto ''Sciopero'' sul display.

 

Un mezzo, ovviamente, non di proprietà dei lavoratori o dei sindacati ma appartenente a Trentino trasporti e quindi a tutta la collettività che rischia, in questo caso, di essere stato utilizzato a scopo privato. La questione, sicuramente, richiederà degli approfondimenti perché, chiaramente, non ci si può appropriare di un mezzo pubblico, a prescindere dalla nobiltà dell'azione poi intrapresa. Se fosse successo qualcosa a quel pullman, per esempio, di chi sarebbe stata la responsabilità? Se ci fosse stato un incidente di qualsiasi tipo chi ne avrebbe risposto?

 

Insomma uno sciopero che avrà sicuramente degli strascichi a prescindere dagli aspetti contrattuali che, ci si augura, possano sbloccarsi il prima possibile.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 05:01

Negli scorsi giorni un incontro a Mestre dove un importante esponente austriaco dell'Fpo ha riproposto l'opera che collegherebbe la Laguna alle Dolomiti, all'Austria e alla Germania: 280 chilometri che piacciono a tanti anche in Veneto 

17 febbraio - 19:45

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti

17 febbraio - 20:04

Uno spazio nuovo, contemporaneo, che si troverà all'inizio di via Suffragio in piazzetta Nicolò Rasmo. L'iniziativa è di Filippo Sartori e l'apertura è prevista tra aprile e maggio. Piatti della cucina italiana/mediterranea, anche per palati vegetariani

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato