Contenuto sponsorizzato

Il Pil altoatesino crolla del 7,3%, Cna-Shv: "Primo calo evidente in 30 anni. Con la crisi del 2009, l'Alto Adige perse appena il 2,1%"

Claudio Corrarati, presidente della Cna-Shv: “Adesso non bisogna essere troppo spavaldi, ma nemmeno troppo cauti. La nostra proposta è di istituire un tavolo permanente Covid-19 per monitorare la crisi, le misure adottate e da adottare e l’effetto sull’economia e l’occupazione, coinvolgendo tutte le parti sociali affinché ci sia una visione collettiva e non una linea pilotata di volta in volta da singole rappresentanze”

Pubblicato il - 21 maggio 2020 - 18:11

BOLZANO. L’Astat, partendo dal modello precedente, secondo cui per due mesi di chiusura si stimava una perdita del Pil altoatesino del 3,8%, ha ricalcolato la variazione considerando le riaperture di maggio, una ripresa turistica molto contenuta nei primi periodi (giugno, luglio), per poi via via migliorare con il passare dei mesi, una perdita nel settore della ristorazione a causa delle limitazioni dovute al distanziamento sociale: il risultato è una variazione reale del Pil altoatesino del -7,3% per il 2020 e del +5,1% per il 2021.

 

“Questo dato – commenta Claudio Corrarati, presidente della Cna-shv (Unione Provinciale degli Artigiani e delle Piccole Imprese) – dimostra che le paure delle nostre imprese sono molto fondate, tanto più che, tra qualche mese, ci saranno anche risvolti occupazionali pesanti e conosciuti alla nostra provincia, che negli ultimi 30 anni non ha mai registrato cali così evidenti dell’economia. Basti pensare che con la crisi del 2009, si perse appena il 2,1% del Pil provinciale, per poi recuperare già nel 2010 con +3,1%. Adesso, anche volendo considerare il +1,5% del 2019 e l’auspicabile +5,1% del 2021, non si arriva comunque a colmare il -7,3% del 2020”.

 

Secondo la Cna-shv “è indispensabile che il panico da virus si trasformi in una presa di coscienza collettiva che porti a soluzioni e interventi condivisi e di reale sostegno a tutti i settori economici. L’impressione, in questi giorni, è che ci si stia concentrando molto sul turismo e sui lavoratori mancanti nell’agricoltura, molto meno sugli altri settori, dal commercio di vicinato all’artigianato, dai pubblici esercizi agli ambulanti”.

Occorre cambiare mentalità e approccio alla crisi. L’Alto Adige è sempre stato, negli ultimi decenni, uno dei territori più virtuosi d’Europa, il più performante d’Italia. Adesso non bisogna essere troppo spavaldi, per non alimentare una seconda ondata di virus, ma nemmeno troppo cauti. La nostra proposta è di istituire un tavolo permanente Covid-19 per monitorare la crisi, le misure adottate e da adottare e l’effetto sull’economia e l’occupazione, coinvolgendo tutte le parti sociali affinché ci sia una visione collettiva e non una linea pilotata di volta in volta da singole rappresentanze”, conclude Corrarati.

 

Le stime del grafico sono valide alle condizioni attuali e potrebbero essere oggetto di aggiornamento in base ad eventuali novità normative.

 

Per l'anno prossimo 2021 la variazione del Pil alto- atesino è stata calcolata tenendo conto delle previ- sioni di Eurostat per i Pil di Austria e Italia, che si ba- sano su stime generali e comprendono quindi anche l’impatto sui servizi e sulla produzione industriale nel complesso. Sulla base del modello di calcolo attuale, l’Istituto provinciale di statistica (Astat) stima una variazione reale del Pil altoatesino del -7,3% per il 2020 e del +5,1% per il 2021.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 19:22

L'allerta è scattata alle 16.30 di oggi lungo la strada statale 237 all'altezza del centro abitato di Ponte Arche. In azione la macchina dei soccorsi tra ambulanze, elicottero, vigili del fuoco di Lomaso e polizia delle Giudicarie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato