Contenuto sponsorizzato

Smart Working, un successo: il 91% dei lavoratori intervistati vorrebbe proseguire. Solo il 6% vorrebbe tornare sempre e solo in presenza

L'indagine elaborata dalla Cisl è stata sviluppata raccogliendo oltre 230 questionari online tra il 22 giugno e il 5 luglio 2020 e ha riguardato aziende di 11 settori del manifatturiero trentino. I risultati guardano con ottimismo a un cambiamento delle normali dinamiche lavorative sviluppando maggiormente il lavoro a casa

Pubblicato il - 08 luglio 2020 - 19:50

TRENTO. Oltre il 90% degli intervistati da un giudizio complessivamente positivo dell’esperienza, quasi il 95% verrebbe proseguire anche dopo l’emergenza eppure serve maggiore chiarezza su finalità e modalità di svolgimento del lavoro da remoto: emergono, infatti, criticità nella sovrapposizione di carichi familiari e professionale inoltre il 39% si è reso conto di lavorare più che da ufficio e l’11% ha dovuto utilizzare strumentazione propria. Sono questi alcuni dei dati che sono stati elaborati dal coordinamento industria Cisl per far luce sugli esiti e i riscontri di questa “sperimentazione forzata di massa” che ha risposto al nome smart working, durante quest'epoca Covid.

 

L'indagine è stata sviluppata raccogliendo oltre 230 questionari online tra il 22 giugno e il 5 luglio 2020 e ha riguardato aziende di 11 settori del manifatturiero trentino: metalmeccanico, ICT, installazione impianti, alimentare, biomedicale, farmaceutico, calzaturiero, tessile e abbigliamento, chimico, gomma plastica, edilizia. Gli intervistati (238) sono per il 64% uomini (36% donne), il 51% di età compresa tra i 35 e i 55 anni (28% under 35 e 21% over 55) e per il 40% si fanno carico o comunque condividono in prima persona impegni familiari (compreso il 40% dei soggetti di sesso maschile). Oltre il 63% degli intervistati impiega meno di 30 minuti per effettuare il tragitto di andata e ritorno casa/lavoro (il 27% tra i 30 e i 60 minuti e il 9% impiega più di un’ora). Nell’81% dei casi si è trattato di una nuova esperienza, solo il 9% degli intervistati avevano avuto precedenti esperienze di lavoro da remoto.

 

Nel complesso emerge un quadro di elevato apprezzamento dell’esperienza, il 91% degli intervistati valutano infatti molto o abbastanza positiva l’esperienza (58% molto positiva), mentre solo il 9% riporta valutazioni negative (di cui appena il 2% considera l’esperienza molto negativa). Alla domanda: “Ti piacerebbe poter continuare a lavorare in SW anche dopo l'emergenza sanitaria?”, meno del 6% degli intervistati dichiara: “No, preferisco riprendere a lavorare sempre in sede”. Il restante 54% verrebbe invece continuare l’esperienza in modo strutturale: nel 40% dei casi addirittura “come modalità di lavoro prevalente”, oltre il 47% “limitatamente ad alcuni giorni alla settimana/mese”, in circa il 7% dei casi “solo in caso di particolari esigenze familiari”.

 

Nel dettaglio, si evidenzia una certa prevalenza di gradimento da parte dei soggetti maschi, che giudicano molto positivo lo SW (62% degli intervistati, contro “appena” il 50% delle donne, queste ultime danno tra l’altro un giudizio molto negativo nel 3,8% dei casi contro 1,4% degli uomini).

 

Come ampiamente atteso, l’indagine ha fotografato una pressoché totale assenza di regolamentazione dello SW, permessa dalla deroga legislativa vigente e giustificata dalla contingente emergenza sanitaria. Solo nell’8% dei casi (in 6 aziende, di grandi dimensioni) è presente un accordo collettivo siglato con le organizzazioni sindacali già prima dell’emergenza sanitaria. Sorprende inoltre che meno del 69% degli intervistati dichiari di aver ricevuto l’informativa individuale, quasi il 19% dichiara di non averla ricevuta e più del 12% non sa rispondere, il che fa presumere che quantomeno all’informazione e alla sensibilizzazione dei lavoratori circa i rischi specifici del lavoro da remoto non sia stata dedicata la dovuta attenzione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 agosto - 13:33

Sono ancora molte le incertezze per il comparto scolastico a quasi un mese dalla riapertura degli istituti, ora si aggiunge un'ulteriore criticità. Se la situazione epidemiologica a settembre fosse quella di oggi, la Provincia potrebbe firmare un'ordinanza per risolvere la questione e portare la capienza al 100%. Fugatti: "Tema da affrontare in Conferenza Stato-Regioni"

07 agosto - 13:51
Un incidente pauroso alle 5 di questa mattina, venerdì 7 agosto, in A22 tra i caselli di Rovereto sud e Ala-Avio. Fortunatamente la famiglia rimasta coinvolta in questo episodio non è in pericolo di vita, anche se sono stati trasferiti all'ospedale di Rovereto per accertamenti e approfondimenti
07 agosto - 13:00

E' successo questa mattina presto a Cassone sul Garda. La macchina non riusciva più a ripartire perché le ruote scivolavano sul ghiaino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato