Contenuto sponsorizzato

Gelate, la Cgil attacca: "Mezzacorona rifiuta ogni confronto", la risposta: "Nostre coltivazioni ok, lasciamo i contributi a chi servono"

Nella manovra di bilancio la Provincia ha stanziato un milione di euro per far fronte alle gelate della primavera scorsa. La Cgil attacca il Consorzio Valentina che non tutelerebbe i lavoratori, ma il Gruppo Mezzacorona risponde a tutte le criticità avanzate dal sindacato

Di Luca Andreazza - 07 luglio 2017 - 21:46

TRENTO. I sindacati dell'agricoltura in sinergia con la Provincia e le diverse organizzazioni dei produttori, da Melinda a Sant'Orsola, sono attive per far fronte ai danni delle gelate della primavera scorsa e trovare quelle forme di sostegno al reddito adeguate per gli occupati del settore che perderanno numerose giornate di lavoro a causa del freddo.

 

E la Cgil lancia l'allarme, puntando il dito contro il Consorzio Valentina del gruppo Mezzacorona: "Il consorzio - dice Manuela Faggioni, segretaria di Flai - chiude le porte a qualsiasi confronto con le organizzazioni sindacali, privando nei fatti i cinquanta addetti delle possibilità di poter contare sulla rete di protezione straordinaria che si sta mettendo in piedi in queste settimane".

 

Una denuncia, rammaricata, quella della segretaria generale di Flai Cgil. "Abbiamo chiesto un incontro - spiega - nel maggio scorso alla direzione del consorzio Valentina e a quella del Gruppo per aprire un confronto su come gestire la difficile situazione provocata dalle gelate".

 

La direzione ha prima rifiutato l'incontro, in quanto non aveva ancora dati sufficienti per valutare la gravità del danno e l’eventuale ricaduta sui dipendenti in termini di giornate perse, "mentre a giugno - aggiunge la Cgil - è stato risposto che Valentina non è disponibile a qualsivoglia accordo su alcun tema con i sindacati".

 

Una presa di posizione rispedita però al mittente dal gruppo interessato: "Abbiamo comunicato un paio di settimane fa alla segretaria le motivazioni - risponde Fabio Maccari, direttore del Consorzio Valentina del gruppo Mezzacorona - per le quali non siamo interessati a ricevere questi contributi o partecipare agli incontri".

 

La Provincia nel frattempo ha già stanziato con l'assestamento di bilancio le prime risorse: un milione di euro per sostenere i lavoratori e le lavoratrici del settore: "Una presa di posizione gravissima - commenta Faggioni - in termini di gestione delle relazioni sindacali e soprattutto per le conseguenze sugli addetti. Risorse per tutti, tranne per quelli del consorzio Valentina del gruppo Mezzacorona, per ottusa e assurda presa di posizione della loro direzione".

 

Se la Cgil si augura che la direzione prenda atto del grave danno economico che può produrre ai propri dipendenti questa decisione e torni indietro, la strada del Consorzio appare quanto mai chiaramente tracciata.

 

"Questo è un fondo - ribadisce il direttore - destinato agli eventi catastrofici legati alle gelate. Il nostro gruppo ha fatto le proprie valutazioni e siamo giunti alla conclusione che la nostra produzione sarà scarsa, ma non catastrofica. I dati indicano che siamo perfettamente in linea rispetto agli ultimi cinque anni: alla luce di ciò preferiamo lasciare queste risorse ai quei Consorzi e Cooperative duramente colpite dagli eventi climatici della primavera".

 

La maggior parte dei frutteti del gruppo si trova infatti lungo l'asta dell'Adige, dove si sono registrati danni molto marginali rispetto alle altre zone del Trentino: "Certo - spiega Maccari - in alcune aree come in Val di Cembra oppure a Cavedine abbiamo sofferto di più, ma i danni delle nostre coltivazioni sono marginali e il nostro raccolto resta comunque a livello degli ultimi anni".

 

Nessuna paura o dubbio anche per il livello occupazionale: "Anche l'utilizzo del personale - conclude Maccari - è perfettamente in linea a quanto avvenuto negli ultimi anni. Non riteniamo necessario partecipare a questi tavoli perché ci sembrerebbe di essere lì per farsi gli affari degli altri".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

25 febbraio - 20:46

L'allerta è stata lanciata intorno alle 19 sotto il rifugio Marchetti. La macchina dei soccorsi è entrata subito in azione per il timore che potessero esserci persone travolte e sommerse dalla neve

25 febbraio - 19:34

L'allerta è scattata intorno alle 18.30 di oggi nella zona del lago Pudro a Madrano. Un'area di circa 13 ettari, occupata per la maggior parte da una torbiera e situata a circa 1 chilometro da Pergine. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato