Contenuto sponsorizzato

A Londra brillano le ricerche sulla scienza di materiali e costruzioni di Nicola Pugno

Il ricercatore dell'Università di Trento ha ricevuto il premio 'A.A. Griffith Medal and Prize', un riconoscimento attribuito per la prima volta nella storia a un italiano

Di Margherita Girardi - 22 luglio 2017 - 15:41

LONDRA (Inghilterra). Il premio 'A.A Griffith Medal and Prize' parla per la prima volta nella storia italiano. Il vincitore del 2017 è infatti Nicola Pugno, premiato a Londra l'11 luglio scorso. 

 

Attuale professore ordinario di Scienza delle costruzioni all'Università di Trento e part-time di Scienza dei materiali all'Università 'Queen Mary' di Londra, Pugno ha lavorato dal 1999 al 2011 al Politecnico di Torino, mentre ora è inoltre responsabile scientifico dei nanocomposti a base grafene alla Fondazione Edoardo Amaldi dell’Agenzia spaziale italiana di cui è peraltro membro del Comitato tecnico e scientifico.

 

Il premio viene conferito annualmente dall'Iom3 (Institute of Materials, Minerals and Mining) del Regno Unito in memoria di Alan Arnold Griffith, noto ingegnere britannico e padre della meccanica della frattura. La medaglia riconosce annualmente i contributi più significativi alla Scienza dei Materiali e dal 1965 raccoglie l’olimpo della disciplina.

 

Questo riconoscimento premia i lavori pionieristici di Pugno per quanto riguarda i nanotubi di carbonio, il grafene, i super composti, i metamateriali e i materiali bioispirati.


Il ricercatore prende spunto dalle caratteristiche di diverse specie animali e vegetali, come la repellenza e la capacità autopulente dei fiori di loto, la resistenza della seta del ragno, la capacità adesiva delle zampe del geco, la resistenza dei denti della patella e la capacità di autoriparazione delle ossa. Con queste conoscenze sviluppa materiali innovativi dalle molteplici applicazioni: nell’ingegneria, ad esempio, vengono impiegati i suoi composti super resistenti, tenaci o autoriparanti, mentre in medicina invece si impiegano materiali antiadesivi e autopulenti.

 

"Nel futuro lavorerò su composti bionici - racconta Pugno - fatti da madre natura, ma con ingredienti artificiali". E’ stato proprio il ricercatore a introdurre il concetto di 'composito bionico', dimostrando come, nutrendo i ragni con grafene o nanotubi, sia possibile ottenere una seta bionica che incorpora i nano materiali dalle caratteristiche strutturali superiori.

 

Il professore e ricercatore ha ricevuto svariati premi dal Consiglio europeo della Ricerca anche per supportare il trasferimento della tecnologia dei suoi lavori ad applicazioni commerciali. Al momento sta lavorando con industrie high-tech per sviluppare un mercato per diversi nuovi materiali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 05:01

Un’operatrice di Rsa ha contratto il coronavirus nonostante fosse già stata sottoposta alla seconda dose di vaccino a fine gennaio, ecco perché può accadere ma allo stesso tempo è importante parlarne. Ferro: “Siamo a conoscenza del caso e lo stiamo seguendo, non è la prima volta che succede e si tratta di una situazione attesa nel senso che il vaccino ha un’efficacia del 95%”

26 febbraio - 06:07

Il capogruppo delle Stelle alpine nell'attuale legislatura a trazione centrodestra in Consiglio provinciale cambia partito. Lascia dopo un impegno nel Patt iniziato nel 1999, poi ha scalato le gerarchie della forza politica fino a diventare assessore nel 2008. Nel 2013 l'elezione a governatore in piazza Dante 

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato