Contenuto sponsorizzato
15/02/2022 - 16:02

IL VIDEO. Tornano in Italia i leggendari tamburi giapponesi di Kodo

Roma, 15 feb. (askanews) - Dopo quattro anni di assenza dall'Europa tornano finalmente i tamburi giapponesi di Kodo, dal ritiro sulla remota isola di Sado, per uno spettacolo ormai di culto. Sono tre le date italiane: domenica 20 febbraio a Roma all'Auditorium Parco della Musica; martedì 22 febbraio a Milano al Teatro Dal Verme; e sabato 26 febbraio a Firenze al Teatro Verdi.Un attesissimo ritorno sui palcoscenici, soprattutto dopo due anni di stop forzoso causa pandemia. Sin dal primo tour mondiale con la storica esibizione di Berlino nel 1981, Kodo si contraddistingue per la capacità di restare fedele alla millenaria tradizione del taiko, il tamburo giapponese, pur continuando sempre ad aprirsi a nuovi orizzonti per rinvigorire questa forma d arte in una continua contaminazione coi linguaggi della danza contemporanea, del mimo e delle più raffinate arti visive.Il 2021 segna il 40esimo anniversario di Kodo e i cinquant'anni dalla fondazione del gruppo originario: Sado no Kuni Ondekoza. Il nuovo tour europeo, intitolato Tsuzumi, celebra proprio questo traguardo e infatti nel programma della tournée dopo 15 anni viene incluso di nuovo il celebre brano "Dyu-Ha" di Maki Ishii, composto per Kodo a celebrazione della nascita del gruppo nel 1981, oltre ad altri veri momenti cult, come il capolavoro di Ishii "Monochrome" e ancora "O-daiko", "Yatai-bayashi" e "Zoku", oltre a composizioni create negli ultimi anni di isolamento."Come tema per questo programma abbiamo scelto il luogo dove tutto ha avuto inizio mezzo secolo fa: la nostra sede nell'isola di Sado", ha spiegato Yuichiro Funabashi, leader del gruppo, parlando del nuovo progetto: "Solo riflettendo sul passato, comprendiamo il presente. Tsuzumi è una metafora dell isola di Sado, che incarna la genesi di Kodo e diventa il punto di partenza del prossimo innovativo capitolo della sua storia. Ogni tamburo taiko è realizzato grazie alla collaborazione tra la natura e gli uomini. L'unico modo per vivere appieno nei riverberi eterei eppure primordiali di questo strumento viscerale è ascoltarlo dal vivo e senza mediazioni, nel momento dell esecuzione. Venite quindi ad ascoltare le profondità emozionanti del suono di Kodo in prima persona."

Contenuto sponsorizzato
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
23 giugno - 06:01
La giovane, dopo aver raggiunto con la madre e il fratello adolescente il padre in Belgio nel 2021, è stata costretta ad andarsene ed è arrivata [...]
Montagna
22 giugno - 20:00
Possibili tratti accidentati per la caduta di alberi e frane, in quota le insidie maggiori possono derivare dalla neve. Il presidente del Soccorso [...]
Cronaca
22 giugno - 18:58
L'incidente si è verificato verso le 16 in località Pur, in val di Ledro. La macchina si è ribaltata in mezzo alla carreggiata. Fortunatamente [...]
Contenuto sponsorizzato