Contenuto sponsorizzato
20/03/2024 - 13:03

IL VIDEO. Al lavoro a quota 2.000 per spalare 1 metro di neve dal tetto: "Fare il rifugista significa (anche) sapersi prendere cura di un luogo fragile"

"Fare il rifugista non significa solo occuparsi dell’accoglienza e del ristoro, ma anche prendersi cura tutto l'anno di una struttura 'viva', con le sue fragilità, che bisogna conoscere". Con queste parole, Alessandro Tenca, gestore del Telegrafo Gaetano Barana, che svetta sul Monte Baldo, descrive in breve ciò che significa fare un lavoro come quello del rifugista. Un mestiere non per tutti che, in uno, ne raccoglie differenti, compreso quello di spalare la neve in inverno: "Ci siamo ritrovati un metro di neve sul tetto: importanti accumuli causati dal vento, che 'gravavano' sulla parte debole delle grondaie". 

 

Contenuto sponsorizzato
Montagna

Pagine

Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 maggio - 21:10
Giornata di lavoro per i vigili del fuoco e per il sistema di Protezione civile in Trentino. Disagi alla viabilità tra frane e strade chiuse in [...]
Ambiente
21 maggio - 21:17
Salute e costi, inquinamento, differenziata e l'energia per il riscaldamento domestico, il confronto con Bolzano e la richiesta di attivare un [...]
Cronaca
21 maggio - 18:07
La vicenda di Forti fa emergere sempre più disparità di trattamento e dopo l'incontro in pompa magna con la premier Meloni con tanto di diretta [...]
Contenuto sponsorizzato