Contenuto sponsorizzato
20/03/2024 - 13:03

IL VIDEO. Al lavoro a quota 2.000 per spalare 1 metro di neve dal tetto: "Fare il rifugista significa (anche) sapersi prendere cura di un luogo fragile"

"Fare il rifugista non significa solo occuparsi dell’accoglienza e del ristoro, ma anche prendersi cura tutto l'anno di una struttura 'viva', con le sue fragilità, che bisogna conoscere". Con queste parole, Alessandro Tenca, gestore del Telegrafo Gaetano Barana, che svetta sul Monte Baldo, descrive in breve ciò che significa fare un lavoro come quello del rifugista. Un mestiere non per tutti che, in uno, ne raccoglie differenti, compreso quello di spalare la neve in inverno: "Ci siamo ritrovati un metro di neve sul tetto: importanti accumuli causati dal vento, che 'gravavano' sulla parte debole delle grondaie". 

 

Contenuto sponsorizzato
Montagna

Pagine

Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
22 giugno - 20:00
Possibili tratti accidentati per la caduta di alberi e frane, in quota le insidie maggiori possono derivare dalla neve. Il presidente del Soccorso [...]
Cronaca
22 giugno - 18:58
L'incidente si è verificato verso le 16 in località Pur, in val di Ledro. La macchina si è ribaltata in mezzo alla carreggiata. Fortunatamente [...]
Cronaca
22 giugno - 18:22
L'allarme è stato lanciato pochi minuti prima delle 17. Sul posto i vigili del fuoco e i soccorsi sanitari. Il 54enne con diverse lesioni e stato [...]
Contenuto sponsorizzato