Contenuto sponsorizzato

Cucciolo di capriolo si perde tra le case e non trova più la strada del bosco. A salvarlo intervengono vigili e forestali

La presenza dell'animale, senza mamma, segnalata dai passanti a Darzo. Gli agenti lo bendano per non spaventarlo. Non è ferito: sarà liberato in natura o portato al centro di recupero della fauna

Foto tratta da Facebook
Pubblicato il - 11 febbraio 2019 - 18:32

TRENTO. Per il piccolo è stata decisamente una brutta giornata. Parliamo di un cucciolo di capriolo che è stato avvistato e soccorso nel centro di Darzo: si era perso e non riusciva più a trovare la strada del bosco.

 

Diverse sono le segnalazioni di avvistamenti dell'animale fatte dai passanti a partire da questa mattina. Il capriolo, un giovane esemplare, è stato visto in difficoltà in paese. Si era probabilmente perso tra le case. Ha quindi vagato per tutta la mattinata fra le vie del centro abitato, per poi allontanarsi.

 

Ma nel pomeriggio sono avvenuti dei nuovi avvistamenti che descrivevano l'animale come smarrito: prima avrebbe vagato un po' senza meta, poi si sarebbe fermato.

 

Allertati dalla popolazione, sono intervenuti gli agenti della polizia locale della valle del Chiese e, in seguito, i custodi forestali. Il capriolo, che si aggirava senza la madre ma fortunatamente sembra abbastanza grande da essere svezzato (la nuova cucciolata sarà tra aprile e maggio), è stato recuperato e bendato per evitargli il trauma del contatto con degli esseri umani.

 

Ora i custodi forestali valuteranno se liberarlo in natura o portarlo al centro di recupero della fauna di Trento. L'animale non pare ferito: sarebbe quindi la prima l'ipotesi più probabile.

 

Su Facebook il consiglio della polizia locale alla popolazione: "Si coglie l'occasione per rammentare che qualora vi imbattiate in un piccolo di capriolo, anche se sembra solo, è importantissimo non toccarlo (una volta toccato dall'uomo non viene più considerato dalla madre a causa degli odori trasmessi) né tanto meno spostarlo. La madre, infatti, è sempre nelle vicinanze a brucare e torna dal piccolo costantemente e appena possibile. Dunque, dovete allontanarvi senza disturbarlo e nel caso di pericoli segnalare la situazione agli enti competenti come è stato fatto per questo animale".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato