Contenuto sponsorizzato

E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio»

La frattura fra Gesù e il potere teocratico della Giudea va via via allargandosi e sembra ormai insanabile. La parabola dei due figli mandati nella vigna è, forse, nel vangelo secondo Matteo il punto in cui questa frattura si consuma
DAL BLOG
Di Alessandro Anderle - 30 settembre 2017

Laureato in Filosofia e laureando in Scienze Religiose. Insegno Pluralismo e dialogo fra le religioni,

La frattura fra Gesù e il potere teocratico della Giudea va via via allargandosi. La parabola dei due figli mandati nella vigna – il Vangelo letto oggi nella liturgia cattolica – è, forse, nel vangelo secondo Matteo il punto in cui questa frattura si consuma.

 

È bene tenere presente che Gesù (Mt 21,23-27) si trova nel Tempio di Gerusalemme e discute apertamente con i “gran sacerdoti e gli anziani del popolo”. A loro è rivolta questa parabola:

 

Mt 21,28-32 In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: 28«Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si rivolse al primo e disse: «Figlio, oggi va' a lavorare nella vigna». 29Ed egli rispose: «Non ne ho voglia». Ma poi si pentì e vi andò. 30Si rivolse al secondo e disse lo stesso. Ed egli rispose: «Sì, signore». Ma non vi andò. 31Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?». Risposero: «Il primo». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. 32Giovanni infatti venne a voi sulla via della giustizia, e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credergli».

 

Secondo la ricostruzione degli studiosi – esegeti -, in questa parabola che compare solamente nel vangelo secondo Matteo si trova una frase che, con buona probabilità, è stata pronunciata da Gesù stesso: «i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio».

 

La controversia con il potere teocratico costituito sembra essere ormai insanabile, e Gesù ormai porta apertamente – qui non sembra trascurabile il fatto che sia il Figlio di Dio – un messaggio che riguarda l'autenticità della fede. La fede, che rimane un elemento dinamico e assolutamente non giudicabile fra uomo e uomo, entra prepotentemente nel discorso di Cristo, evidentemente anche con la funzione di smascherare ciò che fede non è.

 

Per quanto riguarda la prima parte della parabola, l'origine è controversa. In alcuni codici – le versioni più antiche che abbiamo del testo – il padre, il quale evidentemente ci tiene molto alla sua vigna, si rivolge prima al figlio che risponde affermativamente – senza poi compiere effettivamente la volontà del padre – poi a quello che risponde negativamente, compiendo la volontà. In altri codici, invece, l'ordine è come quello sopra-riportato.

 

Ciò che sta al centro però, come dicevamo, è la lapidaria frase: «i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio». Perché? Perché hanno creduto ad un uomo che seguiva i passi della giustizia di Dio, andandogli incontro, convertendosi. I gran sacerdoti e gli anziani del popolo, coloro che dovevano detenere il potere in quanto saggi (cioè coloro che avevano tutti i mezzi, anzi, coloro per i quali il riconoscimento di Giovanni dovrebbe essere stato “scontato”), non si sono convertiti.

 

L'essere una prostituta o l'essere un “pubblico peccatore” non sono, è evidente, intrinsecamente delle qualità – affermare questo non renderebbe giustizia al messaggio di Gesù. Lo è, piuttosto, la capacità di riconoscere un uomo giusto, riconoscere la giustizia – e il Padre -, e convertirvisi. E lo è anche pentirsi, pentirsi per tutte le volte che un uomo giusto ci ha sfiorato, e non abbiamo saputo riconoscerlo. Pentirsi per tutte le volte che abbiamo guardato un uomo giusto e ci siamo soffermati solamente su come era vestito, su quale ruolo ricoprisse nella società. Pentirsi per tutte le volte che abbiamo incontrato un uomo giusto e non siamo stati capaci di accettare la carità della sua parola, magari facendogli la carità di un poco di compagnia.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato