Contenuto sponsorizzato

''Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché ai piccoli hai rivelato i misteri del Regno''

Il brano letto questa domenica è tratto dal primo vangelo, il vangelo secondo Matteo. La narrazione proposta è un vero e proprio inno, che Gesù dedica al Padre
DAL BLOG
Di Alessandro Anderle - 04 luglio 2020

Laureato in Filosofia e laureando in Scienze Religiose. Insegno Pluralismo e dialogo fra le religioni,

Mt 11,25-30 In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo. Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

 

Il brano letto questa domenica è tratto dal primo vangelo, il vangelo secondo Matteo. La narrazione proposta è un vero e proprio inno, che Gesù dedica al Padre.

 

Nella preghiera, come è solito fare, Gesù si rivolge al Signore in via confidenziale, con affetto, utilizzando l'appellativo di Padre, così avviene anche – a maggior ragione – nella lode. Il motivo che muove Gesù a lodare il Padre è molto chiaro: «perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli». Dal punto di vista “filologico” è interessante sottolineare che il testo greco, al posto di “piccoli”, utilizza il termine “infanti”. Costoro rappresentavano quel ceto sociale culturalmente povero, incapace di leggere e scrivere, e per questo disprezzato dai ceti sociali “alti”, i “sapienti”, sacerdoti, farisei, notabili...

 

La “verità” di Gesù è una verità esistenziale, si sperimenta, si capisce, si approfondisce, vivendo. Certamente vi è una base scritturistica, dottrinale, tradizionale, che va appresa, studiata. Ma ciò non è sufficiente, poiché una volta che si è appreso “razionalmente” che – diciamo per semplificare – la verità è l'Amore, è allora che questa verità ha bisogno di incarnarsi, è l'uomo a dare gambe e braccia a questo amore. È l'umanità che deve imparare ad amare, attraverso l'esperienza dell'Amore.

 

In questo senso il giogo di Gesù è leggero, poiché tutto il suo peso è costituito, per dirla con Agostino, dalla “legge” «ama, e fa ciò che vuoi». Non che questo renda il giogo “facile” da portare, poiché esso appunto va a toccare l'intera sfera dell'umano. Non è solamente un'insieme di leggi da imparare a memoria ed osservare scrupolosamente (senza bisogno di interiorizzarle), è qualcosa di più. Il giogo di Gesù è soave perché può essere solamente accettato nella libertà: non si è (e non si può essere) costretti ad amare, si è liberi di amare. Ed entrambe queste dimensioni cresceranno proporzionalmente: più si ama, più si è liberi; più ci si libera, più ci si scopre nell'Amore.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 marzo - 13:16

Dopo aver lasciato il Patt nei giorni scorsi, l'ex governatore ha sciolto velocemente le riserve per approdare al partito di Carlo Calenda. Una decisione nell'aria da tempo e da qualche giorno l'ex autonomista ha ''sprecato'' like e ''retweet'' per Laura Scalfi e Mario Raffaelli, referenti provinciali del movimento, e poi ancora per Azione più in generale

02 marzo - 13:50

Il presidente della Provincia Arno Kompatscher e l'assessore alla Salute Thomas Widmann hanno ribadito la bontà della "via altoatesina" per contenere il virus. Lanciato intanto il progetto pilota per testare gli alunni delle scuole elementari

01 marzo - 17:28

A una settimana dall'attentato in cui è morto Luca Attanasio, Padre Eliseo, missionario comboniano originario della Valpantena che per oltre 30 anni ha lavorato in Congo, parla della complessa situazione del Paese e delle accuse del governo congolese verso i ribelli: "Alcuni elementi non sono chiari, andando per esclusione si può pensare a forze legate allo Stato o ai Paesi vicini"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato