Contenuto sponsorizzato

Maria Grazia Buccella, l'ex studentessa del Liceo Prati che nel 1970 incarnava i sogni proibiti dell'italiano medio

Cronache inattuali/11. Al tempo della pornocrazia, i suoi costumi succinti e il bikini dello scandalo per essere finita sulle pagine de “Il Borghese” – numero del 5 dicembre 1959 – fanno sorridere. Ma al tempo la trentina Maria Grazia Buccella, classe 1940, figlia della buona borghesia cittadina, un po’ di scandalo lo fece, eccome. 
Dal blog di Carlo Martinelli - 27 giugno 2017 - 09:50

Oggi, al tempo della pornocrazia, i suoi costumi succinti e il bikini dello scandalo per essere finita sulle pagine de “Il Borghese” – numero del 5 dicembre 1959 – fanno sorridere. Ma al tempo la trentina Maria Grazia Buccella, classe 1940, figlia della buona borghesia cittadina, un po’ di scandalo lo fece, eccome. 

 

Wikipedia informa che fu finalista a Miss Universo 1959, con una  carriera cinematografica relativamente breve, sviluppata prevalentemente lungo i binari della commedia all'italiana, interpretando personaggi di una bellezza procace e svampita, a tratti buffa e comunque teneramente sexy, “una sorta di Marilyn a Cinecittà”. 

 

A chi va a caccia di cronache inattuali, capita in mano un numero de “La Domenica del Corriere”, marzo 1970. Nazareno Fabbretti è impegnato in una lunga serie di interviste ai divi, in vena di confessioni. La nona puntata è per lei, Maria Grazia Buccella. Una didascalia avverte che è nata a Milano, ma è  vissuta a Trento fino al 1963

 

Attenzione: ad intervistarla è un giornalista che è anche sacerdote, una delle firme più conosciute degli anni Sessanta e Settanta. Ultima domanda: “Prega?” Risposta: “Sì, quando sono felice. Solo allora. Ma non creda, padre: vivere come vivo io è molto più difficile che vivere come quando credevo tutto, ad ogni costo. Oggi devo bastare a me stessa, dentro e fuori. Non è facile, glielo assicuro. Qualche volta è terribile. Non ride?”. Il sacerdote giornalista chiude così: “No. Non rido. Sono convinto che è vero. Ecco un’intervista che non ha bisogno di commenti”.

 

Sì, è una intervista sorprendente. All’inizio padre Nazareno Fabbretti scrive: “In che cosa crede questa tipica maggiorata che con la sua immagine discinta ha scatenato tante volte le proteste di leghe moralistiche e che, per contrario, sembra incarnare (il verbo non è mai stato tanto esatto) i sogni proibiti e repressi dell’italiano medio di fronte al continente dell’erotismo?”

 

L’intervista – un documento vero ed intimo, a ben guardare – è un botta e risposta. Qui mettiamo in fila alcune risposte. Disse, in quell’ormai lontano 1970, l’ex studentessa del liceo Prati: “Io faccio solo del cinema sexy portato sul piano del divertimento: nient’altro. Non ho dubbi, non ho mai avuto rimorsi  a mostrarmi come mamma mi ha fatto. E’ nella natura dell’uomo, come bere e mangiare: ci si vergogna forse di queste cose?"

 

"Io non sono praticante, io sono ribelle in tutto: ciò che è legge, che è dovuto, io non lo sopporto. Non credo nella Chiesa. Io lavoro solo per me stessa. Non ho mai avuto nella mia vita momenti in cui ho sentito il bisogno di aggrapparmi a Dio. E’ una cosa da vigliacchi. Io mi aggrappo a  Dio nei momenti in cui sono felice. Quando va male cerco di rimediare da sola, come posso. Se io faccio del male a una persona questo sì è male, non il fatto di girare nuda”.

 

Disse, inoltre: “Gli altri, per me, sono degli estranei”. Il giornale scrisse: “Dichiarazione rattristante”. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 giugno - 09:50

L'iniziativa rivolta a tutti i cittadini che soffrono il caldo e possono trovare un po' di fresco nei locali che il corpo di Arco ha deciso di mettere a disposizione. Il comandante Bonamico: "E' il terzo anno che apriamo le porte della caserma per aiutare chi soffre il caldo ed è un modo per stare sempre vicini alla comunità"

25 giugno - 06:01

Il post di uno studente sulla pagina Facebook ''Spotted: Unitn'' ha aperto il dibattito sulla questione delle ''carriere alias''. La prorettrice Poggio: ''“L'Università di Trento è stata tra i primi atenei in Italia ad adottare una procedura per il rilascio del 'doppio libretto' per gli studenti o le studentesse in transizione di genere ma con il passaggio al libretto elettronico si sono avuti problemi''

25 giugno - 08:22

E' stato portato all'ospedale Santa Chiara dove si sta riprendendo. I carabinieri hanno avviato le indagini per ricostruire quello che è successo e cercare di individuare l'autore dell'accoltellamento. La rissa con una decina di persone è scoppiata domenica mattina 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato