Contenuto sponsorizzato

Maria Grazia Buccella, l'ex studentessa del Liceo Prati che nel 1970 incarnava i sogni proibiti dell'italiano medio

Cronache inattuali/11. Al tempo della pornocrazia, i suoi costumi succinti e il bikini dello scandalo per essere finita sulle pagine de “Il Borghese” – numero del 5 dicembre 1959 – fanno sorridere. Ma al tempo la trentina Maria Grazia Buccella, classe 1940, figlia della buona borghesia cittadina, un po’ di scandalo lo fece, eccome. 
DAL BLOG
Di Carlo Martinelli - 27 giugno 2017
Giornalista, scrittore, ex libraio, campione di telequiz. E’ autore di “Storie di pallone e bicicletta“, “Un orso sbrana Baricco” e "Campo per destinazione - 70 storie dell'altro calcio"...

Oggi, al tempo della pornocrazia, i suoi costumi succinti e il bikini dello scandalo per essere finita sulle pagine de “Il Borghese” – numero del 5 dicembre 1959 – fanno sorridere. Ma al tempo la trentina Maria Grazia Buccella, classe 1940, figlia della buona borghesia cittadina, un po’ di scandalo lo fece, eccome. 

 

Wikipedia informa che fu finalista a Miss Universo 1959, con una  carriera cinematografica relativamente breve, sviluppata prevalentemente lungo i binari della commedia all'italiana, interpretando personaggi di una bellezza procace e svampita, a tratti buffa e comunque teneramente sexy, “una sorta di Marilyn a Cinecittà”. 

 

A chi va a caccia di cronache inattuali, capita in mano un numero de “La Domenica del Corriere”, marzo 1970. Nazareno Fabbretti è impegnato in una lunga serie di interviste ai divi, in vena di confessioni. La nona puntata è per lei, Maria Grazia Buccella. Una didascalia avverte che è nata a Milano, ma è  vissuta a Trento fino al 1963

 

Attenzione: ad intervistarla è un giornalista che è anche sacerdote, una delle firme più conosciute degli anni Sessanta e Settanta. Ultima domanda: “Prega?” Risposta: “Sì, quando sono felice. Solo allora. Ma non creda, padre: vivere come vivo io è molto più difficile che vivere come quando credevo tutto, ad ogni costo. Oggi devo bastare a me stessa, dentro e fuori. Non è facile, glielo assicuro. Qualche volta è terribile. Non ride?”. Il sacerdote giornalista chiude così: “No. Non rido. Sono convinto che è vero. Ecco un’intervista che non ha bisogno di commenti”.

 

Sì, è una intervista sorprendente. All’inizio padre Nazareno Fabbretti scrive: “In che cosa crede questa tipica maggiorata che con la sua immagine discinta ha scatenato tante volte le proteste di leghe moralistiche e che, per contrario, sembra incarnare (il verbo non è mai stato tanto esatto) i sogni proibiti e repressi dell’italiano medio di fronte al continente dell’erotismo?”

 

L’intervista – un documento vero ed intimo, a ben guardare – è un botta e risposta. Qui mettiamo in fila alcune risposte. Disse, in quell’ormai lontano 1970, l’ex studentessa del liceo Prati: “Io faccio solo del cinema sexy portato sul piano del divertimento: nient’altro. Non ho dubbi, non ho mai avuto rimorsi  a mostrarmi come mamma mi ha fatto. E’ nella natura dell’uomo, come bere e mangiare: ci si vergogna forse di queste cose?"

 

"Io non sono praticante, io sono ribelle in tutto: ciò che è legge, che è dovuto, io non lo sopporto. Non credo nella Chiesa. Io lavoro solo per me stessa. Non ho mai avuto nella mia vita momenti in cui ho sentito il bisogno di aggrapparmi a Dio. E’ una cosa da vigliacchi. Io mi aggrappo a  Dio nei momenti in cui sono felice. Quando va male cerco di rimediare da sola, come posso. Se io faccio del male a una persona questo sì è male, non il fatto di girare nuda”.

 

Disse, inoltre: “Gli altri, per me, sono degli estranei”. Il giornale scrisse: “Dichiarazione rattristante”. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato