Contenuto sponsorizzato

Emergenza Casa. Vogliamo interventi concreti

A Trento tanti alloggi sfitti e canoni d’affitto in crescita: +6,3% nel 2016. Partirà finalmente nel 2017 il Fondo di Garanzia per l’affitto?
DAL BLOG
Di Walter Alotti - 19 novembre 2016

Attuale segretario generale della Uil in Trentino è giornalista pubblicista dal 2014

Dopo l’allarme delle associazioni di solidarietà sociale, del sindacato e delle stesse associazioni di categoria delle imprese immobiliari, sull’enorme numero di appartamenti sfitti in Trentino, oggi giunge la brutta notizia che nel Nord Est d’Italia, con solo Trieste (+10,3%) subito avanti, Trento (+6,3%) guida il rialzo dei canoni d’affitto residenziali. Il dato viene reso noto dal Rapporto sulle locazioni 2016 del network “Solo affitti”, elaborato in collaborazione con Nomisma.

 

Se l’assessore Daldoss ed ITEA hanno cominciato a sbloccare, ristrutturare e riassegnare almeno i cosiddetti “alloggi di risulta” pubblici, tornando ai numeri di un lustro di tempo fa, lo stesso Assessorato provinciale e quello del Comune di Trento non hanno assolutamente attivato processi di informazione e attuazione di incentivi per liberare il mercato privato dell’affitto. Una situazione scandalosa che la Uil ha rimarcato più volte nel tempo sollecitando Daldoss ad avviare, almeno sperimentalmente, il Fondo di garanzia per l'affitto, varato un paio di anni fa e finito nell'oblio e di cui si ricomincia a riparlare adesso, dopo che se ne erano perse le tracce. Vedremo se nelle misure previste dalla Legge di Stabilità 2017 “in nuce” sarà finalmente ricompreso anche il rilancio di questo strumento, che per la UIL potrebbe essere, se non la soluzione, almeno un tentativo per rimettere sul mercato i tanti alloggi sfitti dei locatori privati e provare a calmierare il mercato, allargando l’offerta di alloggi.

 

Il Sindacato chiede anche l’attivazione del Comune di Trento e degli altri Municipi delle altre città ad alta densità abitativa trentine per la promozione del rinnovo, urgente, anche dei “patti in deroga”, previsti già dalla Legge dell’equo canone, fra associazioni dei proprietari e degli inquilini, interessanti per la possibile moderazione dei canoni d’affitto e per le diverse agevolazioni fiscali (cedolare secca) che ne possono derivare.

 

L'insistenza del Sindacato rispetto alla tematica dell'edilizia pubblica e della casa deriva dalla vicinanza ai lavoratori e pensionati che vivono l'emergenza casa, in tempo di crisi in modo particolare, e da recenti inchieste sociologiche anche locali, che confermano che per i lavoratori è quello della casa uno dei temi scottanti per il quale e' richiesto l'impegno del sindacato, quello confederale in primis.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 12:25

Tamponi antigenici e molecolari, a scuola c’è ancora confusione ma si fa largo l’ipotesi che i positivi ai test rapidi sfuggano dai conteggi per mettere le classi in quarantena. La lettera di una mamma: “Le maestre hanno il divieto tassativo di avvisare i genitori di eventuali contagi. Credo sia molto grave”

24 novembre - 11:54

La struttura ricettiva lancia anche un duro affondo sulla politica per l'assenza di certezze: "Purtroppo la mancanza di direttive e di una politica razionale per la prossima apertura invernale da parte della classe politica (ahimè senza titoli universitari o esperienza lavorativa almeno nel 95% dei casi) ci porta in autonomia per necessità di coerenza e rispetto verso il buonsenso di non aprire"

24 novembre - 11:33

La guida del Gambero Rosso quest’anno non ha dato punteggi, ma ha cercato di celebrare la ristorazione che sta reggendo il colpo, che porta avanti le sue golosità, nonostante tutto e che riesce ancora a tenere botta alla devastante crisi causa Covid. Sono state confermate solo 38 Tre Forchette in tutta Italia ad altrettanti superchef mentre sono tante le Due Forchette anche per la ristorazione regionale. Da Brunel a Ghezzi da Fumagalli a Gilmozzi, Melis, Bellingeri ecco chi sono 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato