Contenuto sponsorizzato

Aveva danneggiato la linea elettrica con il parapendio. Individuato il pilota

Il giovane era finito con la tela contro i fili dell'alta tensione creando blackout ad ampio raggio per oltre 30 minuti

Pubblicato il - 28 ottobre 2017 - 10:34

CAVALESE. E' stato individuato dai Carabinieri di Cavalese il giovane parapendista che nella serata del 16 ottobre scorso era partito da Cermis con il proprio parapendio e, in fase di atterraggio, erano andato a sbattere contro una linea elettrica di 20 mila volta a Masi di Cavalese.

 

La collisione aveva provocato un blackout ad ampio raggio per oltre 30 minuti. La fiammata, generata dal contatto della vela sui cavi era stata notata a centinaia di metri di distanza da più persone e solamente per pura casualità, l'atterraggio del pilota non ha avuto tragiche conseguenze.

 

Di seguito, però, il giovane illeso e impaurito si è allontanato facendo perdere le proprie tracce. I Carabinieri di Cavalese, grazie alla collaborazione della popolazione e del personale del Comune di Cavalese, hanno di seguito avviato dei mirati accertamenti volti all’identificazione dell’autore del danno alla linea elettrica. Il ragazzo è stato in poco tempo individuato e, sentito dagli inquirenti, ha ammesso ogni responsabilità e si è reso disponibile al risarcimento dei danni causati

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 marzo - 10:02

I soldi ai singoli comuni arriveranno già in questi giorni e sarà compito dei sindaci, assieme ai servizi sociali, individuare le famiglie a cui riservare il buono spesa

30 marzo - 13:26

I sindacati Filcams e Fisascat Cisl hanno già segnalato il problema, nei giorni scorsi, all’Azienda provinciale per i servizi sanitari e alle ditte che si occupano del servizio di sanificazione delle strutture ospedaliere e nelle residenze per anziani, senza ottenere fino a questo momento alcun riscontro

30 marzo - 12:15

L’app trentina (e gratuita) sviluppata da due coinquilini per aiutare le persone con i servizi a domicilio, ecco l’idea di Giulio Michelon e Alvise Zanardo: “Non siamo né medici né infermieri ma abbiamo messo comunque le nostre competenze informatiche al servizio della collettività”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato