Contenuto sponsorizzato

Dopo il furto il negozio aveva postato le foto dei ladri. Un agente di Bolzano li riconosce e scattano gli arresti

I tre uomini (un algerino, un pakistano e un macedone pluripregiudicati) si erano rubati tre console per videogiochi dall'UniEuro al Risparmio di Rovereto. Il personale li aveva messi sui social e un agente, per caso, li ha riconosciuti. Sono stati presi a Bolzano

Le immagini dei tre ladri diffuse dall'UniEuro di Rovereto
Pubblicato il - 20 novembre 2017 - 12:34

ROVERETO. In due avevano distratto i commessi mentre il terzo infilava tre console per video giochi, del valore di circa 1.000 euro, in un borsone schermato riuscendo a rubarle evitando il sistema antitaccheggio. Era successo il 26 settembre all'UniEuro al Risparmio di Rovereto. Un colpo in piena regola che però non era passato inosservato. Le telecamere interne del negozio, infatti, avevano ripreso la scena. Una volta accortisi del furto lo stesso personale dell'esercizio commerciale ha deciso di postare le foto e i video dei tre ladri sulla pagina Facebook del negozio. "Queste le facce dei tre signori ladri che martedì hanno rubato in negozio - scrivevano -. Non c'è speranza di recuperare la refurtiva ... solo la magra consolazione di diffondere i loro volti".

 

Una mossa, questa, fondamentale ai fini delle indagini. Alcuni giorni dopo, infatti, un agente della polizia di Bolzano nel visitare la pagina Facebook del negozio riconosceva due dei tre autori del furto. I tre infatti erano domiciliati a Bolzano. Subito è partita un'indagine più approfondita con una pista forte da seguire. La squadra mobile di Trento è risalita a tutti e tre gli uomini e il pm De Angelis ha chiesto e ottenuto per tutti, vista l'indole e la possibilità che questi reiterassero il reato, tre misure cautelari in carcere. I tre erano domiciliati a Bolzano, pur essendo senza fissa dimora. Il capobanda è un algerino classe '70 con ben otto denunce di furto solo nel 2017, gli altri due erano uno un pakistano classe '78 e l'altro un macedone classe '79. Tutti e tre erano pluripregiudicati.

 

Grazie alla scoperta dell'agente di Bolzano è quindi scattata l'operazione per eseguire gli arresti dei tre con la collaborazione del personale della squadra mobile di Bolzano. Già pochi giorni dopo il furto, il negozio già ringraziava i suoi clienti e amici, forte della scoperta che l'agente bolzanino aveva riconosciuto i delinquenti e che le indagini erano ben avviate.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 20:24

Recentemente la Pat ha modificato i criteri dell'isolamento della classe: 2 alunni per il primo ciclo dell'infanzia, 1 studente negli istituti superiori. I pediatri: "Sono decisioni politiche. I minorenni sono spesso asintomatici e pauci-sintomatici e questo è rassicurante dal punto di vista del decorso della malattia, ma comunque c'è un fattore di rischio legato alla contagiosità che poi può arrivare in famiglia"

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

27 ottobre - 20:00

Il presidente Conte ha fatto il punto sul suo dpcm e sul nuovo decreto che accompagna le misure restrittive con molte risorse economiche di sostegno per chi è costretto a ridurre o chiudere la propria attività. Gualtieri: ''Abbiamo scelto le modalità più rapide di ristoro. Il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente alle oltre 300.000 aziende che lo avevano avuto in precedenza e quindi contiamo per metà di novembre di aver fatto tutti i bonifici''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato