Contenuto sponsorizzato

Due piantagioni di marijuana da 20 mila euro sequestrate, operazione della polizia in collina e nei parchi

Le operazioni si sono svolte nei parchi tra via Gilli e via Pranzelores, ma anche in piazza Venezia. Le piantagioni nascoste nella vegetazione in collina. La polizia è intervenuta anche in borghese

Pubblicato il - 17 ottobre 2017 - 12:58

TRENTO. Le forze dell'ordine sono intervenute per sequestrare un bilancino di precisione, oltre 20 grammi di hashish e due piccole piantagioni di marijuana per un valore di ventimila euro, questo il risultato dell'ultima operazione della polizia locale per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti.

 

L'attività di prevenzione si è svolta in alcune zone della città, in particolare all'interno di alcuni parchi cittadini, dove i fenomeni di microcriminalità e di piccolo spaccio possono incrementare la percezione di insicurezza dei residenti.

 

Dopo la segnalazione di un vigile di quartiere, le forze dell'ordine sono intervenute al parco tra via Gilli e via Pranzelores e gli approfondimenti su alcuni giovani assuntori di sostanze stupefacenti hanno portato al sequestro di un bilancino di precisione e circa 10 grammi di hashish ad un minore e un ulteriore mezzo grammo ad un maggiorenne. I due giovani sono stati segnalati al Commissariato del governo per i provvedimenti amministrativi.

 

Un'altra attività del nucleo di polizia giudiziaria ha portato invece al sequestrato all'interno del parco di piazza Venezia di oltre 16 grammi di sostanza stupefacente.

 

Dopo alcune segnalazioni, il controllo, organizzato con personale in borghese, nella parte alta verso via Venezia ha riguardato la zona nella quale insistono panchine e cestini dei rifiuti. L'hashish era stato abbandonato senza confezione, forse per la percezione che era in atto un controllo delle forze di polizia.

 

Un'iniziativa della polizia giudiziaria e coordinata dalla Magistratura ha posto invece sotto sequestro due piccole piantagioni di marijuana per un totale di undici piante già pronte per il raccolto: quasi 17 chilogrammi totali di sostanza vegetale.

 

Queste coltivazioni si trovavano nelle immediate adiacenze di un sobborgo collinare, a poche decine di metri da una passeggiata molto frequentata, ma occultate a regola d'arte nella vegetazione.

 

Queste piante avrebbero potuto produrre oltre due chilogrammi di sostanza stupefacente per un valore al dettaglio intorno ai ventimila euro. I ripetuti appostamenti e il posizionamento di apparecchi di videosorveglianza hanno fornito importanti spunti investigativi e sono ancora in corso le indagini per risalire ai responsabili delle coltivazioni, che rischiano una condanna dai 6 ai 20 anni. 

 

Queste attività si aggiungono a quanto svolto dalla polizia, anche in borghese e con veicoli non riconoscibili, nel corso dell'anno che hanno già portato a numerosi sequestri di piccole quantità di sostanze stupefacenti per uso personale o per spaccio di lieve entità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:24

Sono 6.405 casi e 470 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.227 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,99%

23 settembre - 19:31

Mosaner e Betta non vincono al primo turno e sono costretti a un insidioso ballottaggio. Malfer e Parisi hanno la possibilità di influenzare pesantemente il voto del 4 ottobre, mentre la Lega si giocherà il tutto per tutto puntando forte su Santi e Bernardi. Nell’Alto Garda domina l’incertezza

22 settembre - 17:37

La campagna elettorale si fa (anche) a suon di carta (volantini, biglietti da visita, brochure) che, spesso, copre le nostre città. Una lista civica di Brentonico ha, quindi, cercato di trovare una soluzione ecologica e sostenibile: "Abbiamo utilizzato una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può così essere 'piantato' per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato