Contenuto sponsorizzato

Ferrari va a fuoco sulla Valsugana, illeso l'autista un 26enne vicentino

L'incidente è avvenuto ieri (venerdì 27 ottobre) all'altezza di Cassola. Il giovane alla guida è riuscito a uscire dal mezzo prima che si incendiasse

La Ferrari andata a fuoco sulla Valsugana
Pubblicato il - 28 ottobre 2017 - 16:43

VICENZA. Fortunatamente le spie del cruscotto si sono accese e lui stesso aveva già notato che qualcosa non andava nella suo bolide. Faceva fatica ed arrancava. Ha quindi preferito accostare e scendere dall'auto quando questa ha preso fuoco. E' successo a una Ferrari F430 (un mezzo dal valore di circa 80 mila euro) ieri pomeriggio sulla Valsugana, in direzione Trento, nella zona di Cassola, nel vicentino.

 

L'autista, un 26enne vicentino, ha quindi immediatamente chiamato i soccorsi e sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Bassano che hanno spento l'incendio. Per l'auto, però, non c'era già più niente da fare. La densa colonna di fumo era ben visibile anche da alcune centinaia di metri di distanza e subito si è creata una lunga coda in quel tratto di statale. 

 

 

Le operazioni di spegnimento e di messa in sicurezza dell'area sono durate a lungo. Forti disagi al traffico dei pendolari che a quell’ora rientravano dal lavoro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 marzo - 10:02

I soldi ai singoli comuni arriveranno già in questi giorni e sarà compito dei sindaci, assieme ai servizi sociali, individuare le famiglie a cui riservare il buono spesa

30 marzo - 13:26

I sindacati Filcams e Fisascat Cisl hanno già segnalato il problema, nei giorni scorsi, all’Azienda provinciale per i servizi sanitari e alle ditte che si occupano del servizio di sanificazione delle strutture ospedaliere e nelle residenze per anziani, senza ottenere fino a questo momento alcun riscontro

30 marzo - 12:15

L’app trentina (e gratuita) sviluppata da due coinquilini per aiutare le persone con i servizi a domicilio, ecco l’idea di Giulio Michelon e Alvise Zanardo: “Non siamo né medici né infermieri ma abbiamo messo comunque le nostre competenze informatiche al servizio della collettività”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato