Contenuto sponsorizzato

Ordigni incendiari sotto l'auto della polizia, il comandante Giacomoni: "Sicuri di essere sulla strada di chi lavora correttamente"

Domenica scorsa nove ordigni incendiari sono stati trovati sotto altrettante auto della locale. Proseguono le indagini dei Carabinieri 

Di gf - 06 dicembre 2017 - 09:34

TRENTO. “E' stato un segnale forte e che ha colpito tutti noi ma siamo sicuri di essere sulla strada di chi lavora correttamente nell'ambito delle proprie competenze”. Il comandante della polizia locale Lino Giacomoni non cede ad alcun genere di timore dopo i gravi fatti di domenica. Nove ordigni incendiari sono stati trovati sotto altrettante automobili della locale che erano parcheggiate nella rimessa dell'officina comunale che si trova sul retro della sede del Corpo di via Maccani.

 

 

Al momento da parte degli inquirenti la pista seguita è quella anarchica e dalle analisi fatte in questi giorni si è appurato che non si trattava di alcun gesto dimostrativo ma di un attentato fallito. Le micce degli ordigni, infatti, erano state accese e si sono poi spente.

 

“Le indagini – ha spiegato il comandante Giacomoni – stanno proseguendo e ringrazio l'arma dei Carabinieri che è intervenuta con tutte le sue componenti. Confidiamo nei risultati”. Un atto, quello di domenica, che non andrà ad influire sull'iperattività del corpo per la sicurezza dei cittadini. “Noi continuiamo a lavorare serenamente perché siamo un organo di polizia che ogni giorno è schierato nei presidi della città volti a garantire l'afflusso e a garantire la gestione delle attività economiche e fieristiche”. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 19:34

Nella serata di ieri il Gattogordo di Trento è stato teatro di una discussione animata tra il proprietario Villotti e un gruppo di carabinieri, poliziotti e finanzieri. Secondo questi ultimi, dalle 20 il ristorante non può servire ai tavoli solamente bevande. L’oggetto del dibattito è la parola “attività” di ristorazione, che ha generato non poca confusione

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato