Contenuto sponsorizzato

Ordigni incendiari sotto l'auto della polizia, il comandante Giacomoni: "Sicuri di essere sulla strada di chi lavora correttamente"

Domenica scorsa nove ordigni incendiari sono stati trovati sotto altrettante auto della locale. Proseguono le indagini dei Carabinieri 

Di gf - 06 dicembre 2017 - 09:34

TRENTO. “E' stato un segnale forte e che ha colpito tutti noi ma siamo sicuri di essere sulla strada di chi lavora correttamente nell'ambito delle proprie competenze”. Il comandante della polizia locale Lino Giacomoni non cede ad alcun genere di timore dopo i gravi fatti di domenica. Nove ordigni incendiari sono stati trovati sotto altrettante automobili della locale che erano parcheggiate nella rimessa dell'officina comunale che si trova sul retro della sede del Corpo di via Maccani.

 

 

Al momento da parte degli inquirenti la pista seguita è quella anarchica e dalle analisi fatte in questi giorni si è appurato che non si trattava di alcun gesto dimostrativo ma di un attentato fallito. Le micce degli ordigni, infatti, erano state accese e si sono poi spente.

 

“Le indagini – ha spiegato il comandante Giacomoni – stanno proseguendo e ringrazio l'arma dei Carabinieri che è intervenuta con tutte le sue componenti. Confidiamo nei risultati”. Un atto, quello di domenica, che non andrà ad influire sull'iperattività del corpo per la sicurezza dei cittadini. “Noi continuiamo a lavorare serenamente perché siamo un organo di polizia che ogni giorno è schierato nei presidi della città volti a garantire l'afflusso e a garantire la gestione delle attività economiche e fieristiche”. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato