Contenuto sponsorizzato

Ordigni incendiari sotto le auto della Polizia locale

Sono stati rinvenuti stamattina nella rimessa dietro la sede del Corpo in via Maccani. L'assessore Gilmozzi: "Un brutto segno"

Pubblicato il - 03 dicembre 2017 - 12:17

TRENTO. Nove ordigni incendiari sono stati trovati stamattina sotto altrettante automobili della Polizia locale che erano parcheggiate nella rimessa dell'officina comunale che si trova sul retro della sede del Corpo di via Maccani.

 

Le auto di servizio parcheggiate erano in tutto 11 e sotto alcune di esse sono stati rinvenute delle bottiglie di plastica da un litro e mezzo contenenti liquido infiammabile,  un pezzo di 'diavolina' usato come innesco e attaccato con il nastro adesivo e la miccia di qualche centimetro.

 

Nessun danno, le rudimentali molotov non sono state incendiate. Gli autori sarebbero entrati dal retro, oltrepassando una recinzione alta poco più di un metro e mezzo, una zona che risulta scoperta dalle telecamere.

 

Sul fatto che gli ordigni non siano stati incendiati le ipotesi sono quelle dell'avvertimento o dell'interruzione dell'azione per cause ancora da chiarire. Le vetture parcheggiate nella rimessa, si apprende dall'amministrazione comunale, erano dismesse e inutilizzate

 

Da parte dell'amministrazione, per ora, nessun commento anche per osservare la richiesta di riserbo avanzata dai carabinieri, su quanto accaduto. "Un brutto segnale", si limita ad affermare l'assessore e segretario provinciale del Pd Italo Gilmozzi.

 

Poco più di un anno fa, il 23 novembre, furono incendiate 7 Panda di proprietà di Poste Italiane in uso ai portalettere, e qualche mese prima un'azione simile colpì altre Panda per il servizio posta a Trento Nord.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 marzo - 18:41

Il presidente della Provincia rincara la dose dopo quanto accaduto ieri sera e annuncia segnalazioni per chi è entrato dalle porte laterali. Porte che erano aperte per un incontro pubblico con cittadinanza invitata. La ricostruzione delle associazioni che hanno protestato: ''Il gesto finale di Bisesti è stato un gesto gravissimo e pericoloso, fascista nei significati come nella pratica''

23 marzo - 13:21

Dopo i manifesti per i ''100 anni di Giovinezza'' apparsi ieri oggi è stato attaccato questo striscione sul Lung'Adige. Rigurgiti di fascismo in un clima sempre più avvelenato con anche i trentini (un tempo coesi e forti della propria autonomia) ormai divisi tra un ''noi'' e un ''loro'' sempre più distanti

23 marzo - 17:10

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato