Contenuto sponsorizzato

Piante abbattute, pietrisco e traversine: parte del materiale dei lavori alla ferrovia della Valsugana "compare" su una riva del Fersina e la alza di vari metri

La zona si trova risalendo il corso del fiume partendo da Ponte Alto, poco sotto i cavalcavia della SS47. Il materiale, probabilmente, è stato gettato dall'alto dove passa la ferrovia, questa estate (VIDEO ALL'INTERNO)

Di Luca Pianesi - 12 ottobre 2017 - 18:51

TRENTO. C'era anche un discorso di tutela ambientale dietro i lavori di manutenzione straordinaria della Ferrovia della Valsugana fatti questa estate, eppure la montagna di detriti scaricati lungo l'alveo del Fersina proprio a un danno ambientale farebbe pensare. Lo diciamo, la zona è impervia, raggiunta da pochi, per lo più pescatori o scalatori che risalgono il corso del torrente partendo da Ponte Alto. Si trova poco sotto i cavalcavia della SS47, ma a vederlo fa davvero impressione. Il terreno in alcuni punti ha completamente cambiando la sua conformazione alzandosi anche di due/tre metri e questo per un'estensione di qualche centinaio di metri quadri. Molti alberi sono stati abbattuti e molte piante sono state sradicate.

 

 

 

Insomma, in parole povere, è stata completamente cambiata la conformazione della riva sinistra del fiume in quel punto (con tutto quello che ne potrebbe conseguire in una prospettiva futura). Il tutto da un giorno all'altro. Come? Esattamente sopra alla parete in questione passa la ferrovia della Valsugana che questa estate è stata oggetto di svariati lavori di manutenzione.

 

 

Nello specifico sono stati eseguiti interventi di rinnovamento dell'armamento e dei binari per tutta la tratta Trento-Bassano, è stato rifatta l'impermeabilizzazione della galleria di San Rocco (Villazzano) ed è stata stabilizzata la scarpata in corrispondenza di Trento San Bartolomeo (ma si è anche potenziato il sistema di supervisione centralizzato del traffico). Il tutto in una prospettiva di elettrificazione della linea.

 

 

 

 

Il materiale trovato lungo il Fersina, quasi certamente, proviene da lì, dalla ferrovia e dai cantieri di questa estate. E la "pistola fumante" è davanti agli occhi. Tutto il materiale è di provenienza ferroviaria: la montagna di detriti è composta essenzialmente dal pietrisco che viene normalmente depositato tra i binari, il cosiddetto ballast, e qua e là ecco spuntare traversine ferroviarie, piloncini e attacchi con bulloni di ferro. Insomma pare ci si sia liberati del materiale in più e di quello obsoleto in questo modo che a noi pare poco ortodosso, gettandolo dall'alto. Da un'altezza di un centinaio di metri e le immagini scattate da pescatori ai primi di agosto renderebbero il tutto ancor più evidente visto che questa estate la roccia della parete risultava chiara, come se fosse stata "grattata" di recente. Oggi, invece, si è nuovamente ricoperta di vegetazione e piante. 

 

 

Insomma, il fiume ora ha una nuova riva in quel tratto e le piante devono rifarsi strada tra pietre e pezzi di ferro per recuperare il loro spazio. Ma per l'ambiente questo ed altro.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:44

Un bilancio delle ultime 24 ore aggravato dai 2 morti che porta il totale delle vittime da inizio epidemia a 296 persone, mentre i positivi salgono a 5.302 casi. Il rapporto contagi/tamponi al 10%, una persona testata ogni 10 è risultata infetta, un trend simile a quello di Trento

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

21 ottobre - 11:15

Sono 1422 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, 1083 nella sola notte. Il numero di vittime sale a 2282, dopo che dalle 17 di martedì 20 ottobre i decessi sono stati 5, ben 14 dalle 8. Proprio ieri il presidente Luca Zaia aveva presentato il nuovo piano di sanità pubblica in 5 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato