Contenuto sponsorizzato

Pochi centimetri di neve in quota e ritornano i disagi sulle strade trentine

Mezzi spargisale e spalaneve in azione in buona parte della Provincia. Precipitazioni intense nella parte occidentale, in particolare in alta Val Rendena e alta Val di Sole. Ecco la situazione della viabilità

Pubblicato il - 27 dicembre 2017 - 13:01

TRENTO. Come previsto nei giorni scorsi è ritornata la neve in Trentino. Le zone particolarmente colpite sono quelle in alta Val Rendena e alta Val di Sole.

 

Si registra un incremento del traffico lungo la strada statale 237 e la strada statale 239 da Ponte Caffaro verso Madonna di Campiglio e lungo la strada statale 43 della Valle di Non e nel tratto della strada statale 42 da Mostizzolo a salire verso le stazioni turistiche della Val di Sole.

 

Per questo, oltre al posto di controllo di Presson, nel comune di Dimaro Folgarida, a partire dalle 10.30 è stato attivato anche il posto di controllo di Carisolo. A partire dalle 11.00 è stato istituito inoltre il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della ss42 tra Fucine (Ossana) e Passo Tonale (Vermiglio).

 

La nevicata, in corso dal tardo pomeriggio di ieri, ha interessato maggiormente la parte occidentale e settentrionale del territorio provinciale dove la quota neve si è abbassata fino a circa 300 metri, mentre a est si è registrata pioggia mediamente fino a 600-800 metri.

 

Nel fondovalle, a quote superiori ai 600 metri sono caduti tra i 5 e i 10 centimetri, mentre più in quota, sui passi dolomitici, nelle zone di Passo Tonale e Madonna di Campiglio la coltre nevosa ha raggiunto spessori tra i 15 e i 25 centimetri.

 

Le strade principali sono transitabili, senza particolari difficoltà nel fondovalle, dove però si raccomanda di viaggiare con prudenza per fenomeni localizzati di pioggia gelata. E’ richiesta l’attrezzatura invernale montata a quote superiori agli 800-1000 metri.

Neve in Trentino
Paganella
Madonna di Campiglio
Madonna di Campiglio
Campitello di Fassa
Moena
Molina di Fiemme
Passo Brocon
Varena, passo Lavazè
Vermiglio, passo Tonale
Primiero San Martino di Castrozza

 

Nel dettaglio, in Valsugana la quota neve si attesa intorno ai mille metri. La Provincia raccomanda di prestare particolarmente attenzione lungo la strada statale 47 per possibile presenza di fenomeni localizzati di pioggia gelata. Sul Passo Rolle e Brocon si sono registrati 20-25 centimetri di neve. Tra l'Altopiano di Pinè, Panarotta e Val dei Mocheni sono scesi circa dieci centimetri di neve, mentre sull'Alpe Cimbra è di circa quindici centimetri.

 

Sul Monte Bondone la quota neve si aggira intorno ai mille metri e sono caduti circa venti centimetri di neve, mentre in Paganella si arriva a venti centimetri.

Tra i 10 e i 15 centimetri di neve in zona Brentonico e in Vallarsa, mentre in Val di Sole la quota è intorno ai 700 metri. Non si registrano particolari problemi per la viabilità nel fondovalle, ma è richiesta l'attrezzatura invernale montata a quote superiori agli 800 metri. Attivato il posto di presidio a Presson nel comune di Dimaro Folgarida.

 

Neve anche in Val Rendena, in particolare sono caduti 25 centimetri di neve a Passo Campo Carlo Magno. Tutte le strade sono transitabili, ma si segnala la richiesta di attrezzatura invernale montata sul tratto della ss239 tra Carisolo e Campo Carlo Magno.

La nevicata ha riguardato essenzialmente le zone a quote superiori a 800 in Val di Ledro e in questo momento nevica debolmente intorno ai mille metri. Non si registrano problemi per la viabilità.

 

Sono caduti invece tra i 5 e 10 centimetri di neve nel fondovalle di Fiemme e Fassa, mentre si sale tra i 15 e i 20 sui passi dolomitici. Al momento non si registrano particolari problemi per la viabilità, è peraltro richiesta attrezzatura inverale montata a quote superiori ai 1.100-1.200 metri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 17:12

Con una crisi in atto, intere regioni che sono state in lockdown, il virus ancora molto presente e i decessi in aumento ha senso spingere per attivare il comparto della montagna che, giocoforza come qualsiasi ambito turistico, vive dell'assembramento altrimenti può anche non aprire, o non è meglio spingere compatti per ristori all'altezza delle perdite che ci saranno, prima di tutto per ristoratori, albergatori, artigiani e tutto il mondo della montagna prima che gli impianti che comunque dal pubblico hanno sempre avuto rassicurazioni 

26 novembre - 16:34

Una anziana di 82 anni è stata investita nella serata di mercoledì 25 novembre lungo la strada che dalla frazione di San Costantino porta a Fiè allo Sciliar. L'investitore, alla guida di un'automobile nera, si è dato alla fuga, non prestando soccorso alla malcapitata. La donna è stata portata in elicottero all'ospedale San Maurizio di Bolzano, dove le è stata constatata la rottura del femore

26 novembre - 16:20

In un post condiviso su Facebook: "Faremmo volentieri in maniera differente, ma l'asporto con i rifugi è impossibile, noleggiare a distanza non ha senso, impartire lezioni di sci dal divano è assai riduttivo e non credo nemmeno che qualcuno pagherebbe per un giro in funivia in streaming”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato