Contenuto sponsorizzato

Poste, la Lega: ''A Bolzano si mettono i soldi per garantire il servizio ma a Trento la consegna è a singhiozzo"

Maurizio Fugatti presenta un'interrogazione ed evidenzia la disparità tra le due Province: "Qui si taglia mettendo a rischio il servizio e l'occupazione e in Sudtirolo si fanno accordi con Poste italiane investendo 10 milioni di euro"

Pubblicato il - 02 novembre 2017 - 09:51

TRENTO. "Che bravi a Bolzano, altro che Trento!". Una frase che ormai l'opposizione usa a più riprese per mettere in cattiva luce il governo di Ugo Rossi. Il paragone sulle performance economiche, quello sulla gestione dell'obbligo vaccinale, sul turismo o sull'agricoltura è sempre a svantaggio del Trentino e favorevole al Sudtirolo, a detta loro.  

 

Il confronto di questi giorni è sulle Poste e sui postini. "Negli scorsi mesi la Provincia autonoma di Bolzano ha sottoscritto un accordo con Poste italiane nel quale si prevede un nuovo centro di distribuzione, il mantenimento di tutti gli uffici, maggiori posti di lavoro e consegna 6 giorni su 7".

 

Così scrive in un'interrogazione il consigliere provinciale della Lega Nord Maurizio Fugatti. E continua: "Mentre i cugini altoatesini investono nel servizio postale, puntando all’innovazione e all'aumento dei posti di lavoro, in Trentino avviene l’esatto opposto, ovvero un taglio degli uffici postali, dei dipendenti e dei giorni di distribuzione della posta"

 

Il consigliere commenta in questo modo la decisione di procedere, in alcuni Comuni, alla distribuzione della posta a giorni alterni: "Così non si fa altro che creare un divario tra i cittadini creando difficoltà a coloro che vivono nelle Valli. Per non parlare del numero di persone a rischio di licenziamento"

 

"Ancora non comprendiamo per quale motivo, nonostante l’autonomia a noi concessa - osserva Fugatti - si penalizzino sempre le valli e si creino più disagi che benefici. Per quale motivo la Provincia di Trento non pare aver percorso la soluzione di Bolzano considerato anche il fatto che le poste private non raggiungono i paesi periferici?

 

Perché a Bolzano, afferma il consigliere continuando con il paragone, è stato fatto "un investimento dal valore di 10 milioni di euro dei quali 3,2 milioni vengono previsti per la distribuzione postale e sono messi a disposizione dal bilancio provinciale, e 6,8 milioni per le altre attività che sono stati messi a disposizione dalla Provincia".

 

A dimostrazione che la differenza è molta, anche nell'interpretazione politica di quanto sta accadendo, Fugatti riporta una frase del governatore sudtirolese Kompatscher. "Un'altra giornata importante per l'autonomia altoatesina, che ha raggiunto un nuovo grande traguardo: garantiamo un servizio postale di qualità, sicuro e innovativo a cittadini e imprese, migliorando la competitività del territorio".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato