Contenuto sponsorizzato

Poste, la Lega: ''A Bolzano si mettono i soldi per garantire il servizio ma a Trento la consegna è a singhiozzo"

Maurizio Fugatti presenta un'interrogazione ed evidenzia la disparità tra le due Province: "Qui si taglia mettendo a rischio il servizio e l'occupazione e in Sudtirolo si fanno accordi con Poste italiane investendo 10 milioni di euro"

Pubblicato il - 02 novembre 2017 - 09:51

TRENTO. "Che bravi a Bolzano, altro che Trento!". Una frase che ormai l'opposizione usa a più riprese per mettere in cattiva luce il governo di Ugo Rossi. Il paragone sulle performance economiche, quello sulla gestione dell'obbligo vaccinale, sul turismo o sull'agricoltura è sempre a svantaggio del Trentino e favorevole al Sudtirolo, a detta loro.  

 

Il confronto di questi giorni è sulle Poste e sui postini. "Negli scorsi mesi la Provincia autonoma di Bolzano ha sottoscritto un accordo con Poste italiane nel quale si prevede un nuovo centro di distribuzione, il mantenimento di tutti gli uffici, maggiori posti di lavoro e consegna 6 giorni su 7".

 

Così scrive in un'interrogazione il consigliere provinciale della Lega Nord Maurizio Fugatti. E continua: "Mentre i cugini altoatesini investono nel servizio postale, puntando all’innovazione e all'aumento dei posti di lavoro, in Trentino avviene l’esatto opposto, ovvero un taglio degli uffici postali, dei dipendenti e dei giorni di distribuzione della posta"

 

Il consigliere commenta in questo modo la decisione di procedere, in alcuni Comuni, alla distribuzione della posta a giorni alterni: "Così non si fa altro che creare un divario tra i cittadini creando difficoltà a coloro che vivono nelle Valli. Per non parlare del numero di persone a rischio di licenziamento"

 

"Ancora non comprendiamo per quale motivo, nonostante l’autonomia a noi concessa - osserva Fugatti - si penalizzino sempre le valli e si creino più disagi che benefici. Per quale motivo la Provincia di Trento non pare aver percorso la soluzione di Bolzano considerato anche il fatto che le poste private non raggiungono i paesi periferici?

 

Perché a Bolzano, afferma il consigliere continuando con il paragone, è stato fatto "un investimento dal valore di 10 milioni di euro dei quali 3,2 milioni vengono previsti per la distribuzione postale e sono messi a disposizione dal bilancio provinciale, e 6,8 milioni per le altre attività che sono stati messi a disposizione dalla Provincia".

 

A dimostrazione che la differenza è molta, anche nell'interpretazione politica di quanto sta accadendo, Fugatti riporta una frase del governatore sudtirolese Kompatscher. "Un'altra giornata importante per l'autonomia altoatesina, che ha raggiunto un nuovo grande traguardo: garantiamo un servizio postale di qualità, sicuro e innovativo a cittadini e imprese, migliorando la competitività del territorio".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 05:01

Nei giorni scorsi è avvenuta la chiusura di Gaudì, uno dei principali negozi di abbigliamento in centro storico a Trento. Ma ci sono anche altre catene, di abbigliamento e arredamento, che potrebbero essere pronte a fare le valige nei prossimi mesi. Massimo Piffer: ''Non dobbiamo abbandonare la piazza, i rapporti umani e i confronti. Abbiamo bisogno di una riprogrammazione urbanistica commerciale''

03 marzo - 20:14

Ecco il quadro odierno del contagio in Trentino. Due i decessi avvenuti in provincia con Covid: si tratta di un uomo e una donna

03 marzo - 19:30

Protagonista di un incidente che sarebbe potuto finire in tragedia, già nel pomeriggio di mercoledì 3 marzo "l'uomo con il carrello" è stato visto a Pergine, città che, nonostante le denunce e gli interventi delle autorità, pare "tenere in scacco". Il sindaco Oss Emer: "Abbiamo provato di tutto. Ci deve essere un buco normativo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato