Contenuto sponsorizzato

Ruba tre paia di scarpe, due mesi agli arresti domiciliari per una donna recidiva

Il furto è avvenuto al negozio Rispa di corso 3 Novembre. La donna era già gravata dall'obbligo di firma. Risarcito l'esercente con 150 euro

Di db - 16 December 2017 - 20:35

TRENTO. Processo per direttissima per una donna di 25 anni nata a Padova e residente a Civezzano che ieri è stata tratta in arresto dai carabinieri di Trento per il furto di tre paia di scarpe messo a segno nel negozio Rispa di corso 3 Novembre.

 

Con altre persone, una non ancora identificata e un'altra che sarà giudicata a parte, avrebbe scassinato il dispositivo antitaccheggio di tre paia di scarpe nascondendole successivamente sotto gli abiti e cercando di passare inosservata alle casse per uscire senza pagare.

 

Il valore commerciale della merce è stato stimato dall'esercente in poco più di 80 euro che si aggiungono al costo dei dispositivi antitaccheggio distrutti dall'imputata. Il risarcimento, per ottenere l'attenuante, è stato saldato direttamente in tribunale. La vittima è stata infatti risarcita con 150 euro.

 

La donna ha patteggiato 2 mesi, ma sulla misura cautelare da da applicare il suo avvocato ha chiesto di considerare il fatto che ha figli e che deve poter sbrigare le faccende domestiche. Il giudice, però, forse considerando il pericolo che il reato venga reiterato, ha deciso per gli arresti domiciliari. 

 

Sulla donna, infatti, gravava già un obbligo di firma per altri precedenti per furto e non prima di eri era a processo per lo stesso reato. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 March - 18:14

Si attendono le nuove classificazioni. La curva del contagio è in crescita a livello nazionale e la prospettiva è quella di diversi cambi di zona. Il Trentino dovrebbe restare in zona arancione e la Pat conferma l'intenzione di proseguire con la didattica in presenza al 50%

04 March - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

04 March - 19:19

Sbarcati con un verricello di 20 metri tecnico di elisoccorso, soccorritore e medico, non è restato che constatare il decesso dell'uomo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato