Contenuto sponsorizzato

Rubata un'auto a Pressano, l'appello per ritrovarla su Facebook

Il furto è avvenuto nella notte in via Carlovi a Pressano, brutta sorpresa questa mattina per Luca, quando non ha trovato la sua auto, un'Alfa Romeo Giulietta nera targata ER176WV

Pubblicato il - 27 ottobre 2017 - 17:20

LAVIS. Furto nella notte in via Carlovi a Pressano, brutta sorpresa questa mattina per Luca, quando non ha trovato la sua auto, un'Alfa Romeo Giulietta nera targata ER176WV.

 

Il proprietario, questa mattina, ha sporto denuncia. Immediatamente era stata lanciata una richiesta di aiuto su Facebook per ritrovare il mezzo. Una messaggio che è stato condiviso centinaia di volte sul social network.

 

La vettura era parcheggiata nel cortile e nella notte tra giovedì e venerdì i malviventi si sono introdotti nella proprietà privata e si sono impossessati della vettura utilizzando il telecomando per il cancello che si trovava all'interno della stessa.

 

 

Il proprietario, questa mattina, ha sporto denuncia e immediatamente è stata lanciata una richiesta di aiuto su Facebook per ritrovare il mezzo. Una messaggio che ha già superato le 500 condivisioni sul social network.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

21 ottobre - 09:32

Altro ritrovamento legato alla Grande Guerra sulle montagne trentine. Ai piedi dell'Ortigara, sul Monte Civerone, è stata rinvenuta una salma appartenente con ogni probabilità ad un soldato austro-ungarico. L'appartenenza all'esercito dell'imperatore è stata dedotta da un bottone della divisa, mentre tra le spoglie si recuperava anche il proiettile che lo ha presumibilmente ucciso 

20 ottobre - 16:57

Gli obiettivi sono contenuti nello schema di accordo con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti che ha ricevuto oggi (20 ottobre) il via libera proprio da parte della Giunta provinciale. Ecco quali sono gli interventi che saranno finanziati dai fondi statali. A questi si deve aggiungere, a livello ferroviario, la variante della Val di Riga (150 milioni di euro) a carico di Rfi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato