Contenuto sponsorizzato

Rubata un'auto a Pressano, l'appello per ritrovarla su Facebook

Il furto è avvenuto nella notte in via Carlovi a Pressano, brutta sorpresa questa mattina per Luca, quando non ha trovato la sua auto, un'Alfa Romeo Giulietta nera targata ER176WV

Pubblicato il - 27 ottobre 2017 - 17:20

LAVIS. Furto nella notte in via Carlovi a Pressano, brutta sorpresa questa mattina per Luca, quando non ha trovato la sua auto, un'Alfa Romeo Giulietta nera targata ER176WV.

 

Il proprietario, questa mattina, ha sporto denuncia. Immediatamente era stata lanciata una richiesta di aiuto su Facebook per ritrovare il mezzo. Una messaggio che è stato condiviso centinaia di volte sul social network.

 

La vettura era parcheggiata nel cortile e nella notte tra giovedì e venerdì i malviventi si sono introdotti nella proprietà privata e si sono impossessati della vettura utilizzando il telecomando per il cancello che si trovava all'interno della stessa.

 

 

Il proprietario, questa mattina, ha sporto denuncia e immediatamente è stata lanciata una richiesta di aiuto su Facebook per ritrovare il mezzo. Una messaggio che ha già superato le 500 condivisioni sul social network.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 marzo - 10:02

I soldi ai singoli comuni arriveranno già in questi giorni e sarà compito dei sindaci, assieme ai servizi sociali, individuare le famiglie a cui riservare il buono spesa

30 marzo - 13:26

I sindacati Filcams e Fisascat Cisl hanno già segnalato il problema, nei giorni scorsi, all’Azienda provinciale per i servizi sanitari e alle ditte che si occupano del servizio di sanificazione delle strutture ospedaliere e nelle residenze per anziani, senza ottenere fino a questo momento alcun riscontro

30 marzo - 12:15

L’app trentina (e gratuita) sviluppata da due coinquilini per aiutare le persone con i servizi a domicilio, ecco l’idea di Giulio Michelon e Alvise Zanardo: “Non siamo né medici né infermieri ma abbiamo messo comunque le nostre competenze informatiche al servizio della collettività”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato