Contenuto sponsorizzato

Sbaglia strada e finisce sulle rotaie con l'auto. Intervengono i vigili del fuoco per liberarla

Sul posto i vigili del fuoco volontari di Lavis, la polizia locale e i tecnici di Trentino Trasporti

Pubblicato il - 26 novembre 2017 - 11:01

LAVIS. Avrebbe sbagliato a girare e invece di imboccare una stradina parallela sarebbe finito sulla rotaie. Questa la prima spiegazione che viene data a quello che è successo ieri sera a Lavis, in via Alcide de Gasperi in prossimità della Trento – Malè, dove una persona con la propria auto è finita sulle rotaie del treno rimanendo incastrata.

Sul posto sono immediatamente intervenuti con la massima urgenza i vigili del fuoco di Lavis che dopo aver messo in sicurezza il luogo hanno alzato delicatamente l'auto con dei cuscini per poi posizionarla su delle assi di legno e riportarla sulla sede stradale.

 

E' stata scelta questa modalità perché l'intervento dell'autogru avrebbe comportato un blocco della tensione alla linea ferroviaria e ulteriori disagi.

Sul posto a supporto dell'interno anche la polizia locale e i tecnici di Trentino Trasporti.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

22 ottobre - 12:31
Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato