Contenuto sponsorizzato

Accoltellamento in via Brennero, in manette un 47enne per tentato omicidio

Le motivazioni alla base dell'aggressione sarebbero riconducibili alla sfera sentimentale. Il violento alterco è sfociato nell'aggressione con l'arma da taglio

Pubblicato il - 05 maggio 2018 - 21:15

TRENTO. Prima una colluttazione e quindi è spuntato un coltello a serramanico. E' successo poco prima delle 14 in via Brennero nei presso della stazione di servizio Eni, vicino al Mc Donald's. Un uomo italiano di 41 anni è rimasto ferito al basso addome e alla gamba. 

 

In manette un 47enne kosovaro, che dopo aver colpito la vittima, si è immediatamente dileguato a piedi, mentre il ferito è stato soccorso e trasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento per le cure del caso, che sono ancora in corso.

 

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, allertati nel primo pomeriggio, un iniziale alterco è sfociato nella violenta colluttazione, culminata nei fendenti inferti dal kosovaro all'italiano: le motivazioni alla base dell'aggressione sarebbero riconducibili alla sfera sentimentale.

 

I carabinieri hanno subito avviato le indagini e le forze dell'ordine hanno immediatamente identificato l'aggressore mediante l'utilizzo delle telecamere di sicurezza: in poco tempo i militari si sono messi sulle tracce dell'uomo e hanno bloccato il 47enne, fermato in strada con ancora in possesso il coltello a serramanico utilizzato nel atto delittuoso. 

 

L'uomo è stato prima accompagnato in caserma per l'interrogatorio e quindi, terminati gli accertamenti, è stato tratto in arresto e accompagnato al carcere di Spini. E' stata ovviamente informata anche l'Autorità giudiziaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

14 dicembre - 19:51

Si tratta di un uomo di 53 anni di Zambana. Faceva parte di un gruppo di tre persone. I soccorritori sono riusciti ad individuarlo e dopo averlo estratto da sotto la neve, in stato iniziale di ipotermia, è stato trasportato a Merano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato