Contenuto sponsorizzato

Accusato di pedofilia alle elementari, viene pizzicato dalle telecamere installate segretamente dalla polizia, in manette un insegnante in Alto Adige

L'uomo sarebbe colpevole di molestie sessuali nei confronti di alcune bambine e avrebbe abusato delle alunne durante le ore di lezione nella scuola in cui lavorava. Nei mesi scorsi i genitori avrebbero denunciato attenzioni esagerate del maestro

Pubblicato il - 20 June 2018 - 12:36

BOLZANO. L'accusa è quella di pedofilia e in manette finisce un maestro di una scuola elementare in Alto Adige, arrestato nelle scorse ore dalla polizia di Bolzano.

 

Un'operazione della polizia accurata e delicata, durata diversi mesi. Fondamentali sarebbero state le immagini delle telecamere installate segretamente dalle forze dell'ordine nel corso delle indagini.

 

L'uomo sarebbe colpevole di molestie sessuali nei confronti di alcune bambine e avrebbe abusato delle alunne durante le ore di lezione nella scuola in cui lavorava.

 

L'allarme è scattato nei mesi scorsi, quando i genitori delle alunne abusate avevano denunciato alle forze dell'ordine i loro sospetti e avevano raccontato agli inquirenti le esagerate attenzioni del maestro nei confronti dei minori.

 

Gli abusi sarebbero avvenuti in classe e in diverse occasioni. La bruttissima verità è stata scoperta la visione dei filmati delle telecamere: le prove sarebbero schiaccianti e la polizia di Bolzano è intervenuta per fermare le abitudini dell'uomo, accompagnato in carcere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 March - 11:10

La notizia è stata confermata dall'Azienda sanitaria altoatesina a il Dolomiti. In Provincia di Bolzano i controlli sulle varianti sono estesissimi e a pochi giorni fa erano già 630 i casi di mutazioni trovati

01 March - 11:01

Affitti esorbitanti, denaro sottratto dallo stipendio, botte e percosse. Questo il trattamento riservato ad un gruppo di lavoratori pakistani nei campi di Aldeno. Gli aguzzini erano due connazionali, che approfittavano della loro situazione di necessità

28 February - 14:32

Tra “poderia eser” e “orco can”, tra piazza Serra o la centralissima via Pennella, ci si fermerà alle fermate dell’intermodale o dell’Alba. Arriva in tavola Perzenopoly: il nuovo gioco creato dall’associazione culturale Forma Mentis Tridentinae nato dalla rivisitazione in chiave locale del famoso Monopoly

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato