Contenuto sponsorizzato

Andrea Sartori, 27 anni, perse la vita in un incidente stradale. Condannato l'autista

L'auto viaggiava a 160 chilometri orari. Nell'incidente Andrea è stato sbalzato fuori dal mezzo. Ora la condanna dell'autista

Pubblicato il - 16 marzo 2018 - 09:24

TRENTO. E' stato condannato alla pena di due anni e 8 mesi Kasami Fisnik il giovane che la sera del 17 novembre del 2016 si trovava alla guida dell'auto coinvolta in un incidente a Valcanover di Pergine nel quale è morto il 27enne Andrea Sartori.

 

Quest'ultimo si trovava seduto nei sedili posteriori. Secondo le ricostruzioni che sono state fatte dalle forze dell'ordine, la Ford Fiesta Blu sulla quale viaggiavano i ragazzi si trovava sulla strada provinciale per Calceranica a quasi 160 chilometri all'ora. All'uscita di una semicurva, a causa della forte velocità e dell'asfalto umido, l'auto ha perso aderenza finendo contro un muretto di cemento.

 

Uno schianto fortissimo che ha fatto sbalzare Andrea fuori dalla macchina. Nessuno degli altri giovani che viaggiavano in auto ha riportato ferite gravi ma il 27enne è morto sul colpo.

 

Al momento non si è deciso se per Kasami Fisnik ci sarà l'appello. Vista la pena inflitta c'è la possibilità che si possa chiedere anche la messa alla prova.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

23 ottobre - 18:58

Le foto inviate a ildolomiti.it da parte di alcuni utenti mostrano situazioni a rischio contagio. In nessun caso viene rispettato il metro di distanza fisica. "Dovrebbero aggiungere carrozze ai treni ed invece pensano di aumentare i pullman che rimangono poi vuoti" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato