Contenuto sponsorizzato

Avevano ripulito Veterinaria Trentina per oltre 300 mila euro, arrestati a Napoli dai carabinieri di Trento gli autori del furto

Il colpo era avvenuto il 7 dicembre scorso. La banda aveva messo a segno un colpo anche a Civitanova Marche. I carabinieri: "Un sodalizio spregiudicato, determinato, professionale e organizzato"

Di Ilenia Morreale e Luca Andreazza - 02 March 2018 - 13:03

TRENTO. Avevano messo a segno un colpo da oltre 300 mila euro alla Veterinaria Trentina (Qui articolo). Sono stati arrestati in provincia di Napoli i quattro componenti della banda, mentre altri due sono stati denunciati e andranno a processo. Questo il risultato dell'operazione 79 portata a termine dai carabinieri di Trento.

 

 

"Il furto - spiega Luca Volpi, comandante dei carabinieri - era avvenuto il 7 dicembre scorso e le indagini tecniche e investigative erano iniziate subito. Si tratta di una banda altamente specializzata e che agiva su commissione in tutto il territorio italiano".

 

In manette finiscono così Pasquale Finizio, classe 1967, Ciro Termini, classe 1970, Francesco Genni del 1976 e Antonio Boccolino del 1982, tutti rinchiusi al carcere di Poggioreale.

Una banda di professionisti che si era messa in luce anche per un furto a Civitanova Marche, in quel caso avevano messo a segno un colpo da oltre 180 mila euro in pellami, mentre un altro a Montecosaro, sempre nelle Marche, non era andato a buon fine in quanto ormai le forze dell'ordine erano addosso ai pluripregiudicati

 

"Il sodalizio - aggiunge Giovanni Cuccurullo, tenente colonnello dei carabinieri - agiva su commissione: in Veterinaria Trentina avevano portato via esclusivamente antiparassitari per un valore di 303 mila euro. Avevano ripulito solo determinati scaffali, trascurando altri prodotti".

 

Un furto non occasionale quello a Trento, il modus operandi era, infatti, consolidato: prima la banda eseguiva sopralluoghi e ispezioni nelle aziende, in particolare grandi magazzini e depositi, si assicuravano i mezzi necessari per poter compiere il furto e quindi mettevano fuori uso i sistemi d'allarme tagliando i cavi telefonici e elettrici per avere il tempo necessario per assicurarsi la merce ricercata. In colpo in Veterinaria Trentina è stimato in circa un'ora e mezza e il furgone era stato rubato a Bussolengo nelle settimane precedenti.

"Una banda - dice Andrea Oxilia, comandante del Nucleo Investigativo provinciale - spregiudicata, determinata, professionale e organizzata. Le indagini sono durante circa tre mesi e in questo lasso di tempo hanno compiuto altri due furti dopo quello a Trento, praticamente la media di uno al mese. Tutte istanze accolte dal Gip, la dottoressa Miori, su richiesta del Pm dottor Russo".

 

La banda smantellata dovrà rispondere all'Autorità giudiziaria di furto aggravato

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
09 maggio - 20:00
Trovati 57 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore, sesto giorno consecutivo senza vittime legate all'epidemia. Sono [...]
Cronaca
09 maggio - 16:26
L'allerta è scattata poco dopo mezzogiorno all'altezza del centro abitato di Castello sul territorio comunale di Terragnolo. In azione la macchina [...]
Economia
09 maggio - 17:48
Il cronoprogramma per l’entrata in servizio di Indaco “l’Amazon trentina”, Spinelli: “Abbiamo imposto tempi che sono nell’ordine di 8 [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato