Contenuto sponsorizzato

Baita distrutta dalle fiamme, vigili del fuoco a 2.000 metri con motoslitte e quad

Un elicottero dei permanenti di Trento non è riuscito a raggiungere la località dell'incendio a causa del maltempo e della scarsa visibilità. I pompieri di Pozza di Fassa hanno inoltre messo in sicurezza tutta l'area, salvaguardando un edificio vicino

 

Pubblicato il - 09 gennaio 2018 - 18:33

POZZA DI FASSA. Una baita è stata completamente divorata dalle fiamme nel pomeriggio di oggi. E' successo in località Lagusel sopra Pozza di Fassa.

 

L'allarme è stato lanciato poco prima delle 13 da alcuni rifugi in quota che hanno visto il rogo avvolgere la baita adibita a stalla.

 

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco volontari di Pozza di Fassa che hanno raggiunto il luogo dell'incendio, a quota 2.100 metri circa, in motoslitta e quod, mentre un elicottero dei permanenti di Trento non è riuscito a raggiungere la località con l'acqua a causa del maltempo e della scarsa visibilità.

 

I pompieri si sono prodigati nell'operazione di spegnimento, ma purtroppo il fuoco ha completamente distrutto l'edificio. Il corpo di Pozza di Fassa si è inoltre preoccupata di mettere in sicurezza l'area e salvaguardare un altro stabile poco lontano.

 

Le cause dell'incendio sono ancora in fase di accertamento e nella giornata di domani pompieri e forze dell'ordine saliranno nuovamente in quota per ricostruire effettuare i rilievi, bonificare l'area e ricostruire l'accaduto. 

 

Fortunatamente non si registrano feriti, il pastore e gli animali non si trovavano nella baita quando è scoppiato l'incendio.   

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 18:47

Ancora nulla di definito in Trentino rispetto al Dpcm comunicato in giornata dal presidente Giuseppe Conte. Il presidente Maurizio Fugatti: "Stiamo lavorando all'ordinanza. Pensiamo che se ci sono i protocolli per tenere bar e ristoranti aperti a pranzo, si possa chiudere dopo cena". Sulla didattica a distanza, invece, il Trentino tira dritto. "Il comitato scientifico ci ha detto che possiamo proseguire così"

25 ottobre - 14:02

Sarebbe stato un malore a portarsi via Nicola Bevilacqua di 36 anni. E' successo a Valdagno e l'uomo sarebbe stato colpito da un arresto cardiocircolatorio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato