Contenuto sponsorizzato

Cerca di attraversare il fiume, ma resta bloccata per l'onda di piena

La ragazza stava attraversando il fiume per raggiungere la parte opposta della riva attraverso gli appositi i sassi sporgenti, quando è rimasta sorpresa dell'arrivo dell'onda di piena

Pubblicato il - 07 maggio 2018 - 12:24

ARCO. Fuori programma intorno alle 11.30, quando una ragazza è rimasta bloccata nel mezzo del fiume Sarca.

 

La ragazza stava attraversando il fiume per raggiungere la parte opposta della riva attraverso gli appositi i sassi sporgenti, quando è rimasta sorpresa dell'arrivo dell'onda di piena. 

 

Poco distante si trova la diga, ogni tanto l'acqua viene rilasciata in modo programmato e questo comporta inevitabilmente l'innalzamento del livello del fiume, questa la motivazione per la quale la ragazza è rimasta bloccata a metà del passaggio. 

 

Con l'acqua alle caviglie e impossibilitata a muoversi, la giovane stessa ha lanciato l'allarme.

 

Sul posto si sono immediatamente portati i soccorsi, i vigili del fuoco volontari di Arco e il corpo di Riva del Garda, ma anche i permanenti di Trento e la Saf del capoluogo, il nucleo speleo alpini fluviale.

 

Gli uomini del soccorso sono riusciti a raggiungere la ragazza per portarla sulla terraferma. Fortunatamente tutto si è concluso rapidamente, senza conseguenze, un po' di paura e un'avventura da raccontare.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 17:33

I danni da masse nevose a causa della nebbia non sono ancora del tutto visibili, ma si teme che si siano verificati grossi danni. I geologi provinciale hanno riferito di frane in val Pusteria, val Badia, valle Isarco e Bassa Atesina

18 novembre - 16:31

Il personale di Veneto strada sta monitorando il territorio colpito da diversi smottamenti. Anche la frana di Schiucaz è seguito in tempo costante dopo gli smottamenti avvenuti nelle ultime ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato