Contenuto sponsorizzato

Diventa più povero e gli aumentano l'affitto del 750%. Inquilino porta in tribunale l'Itea

L'affitto aumenta da 77 a 577 euro. Errore nel calcolo del canone che ha tenuto conto delle variazioni del nucleo famigliare ma non del minor reddito

Pubblicato il - 30 gennaio 2018 - 10:14

TRENTO. Pagava un affitto di 77 euro per un alloggio Itea a Trento ma, tutto ad un tratto, gli sono arrivati da pagare 577 euro, ben il 750% in più. Vittima della burocrazia e dell'applicazione meccanica della normativa è un uomo che è stato costretto a rivolgersi ad un giudice per riuscire alla fine vedersi riconoscere la ragione .

 

L'uomo viveva in un alloggio con tre figli che gli erano stati affidati a seguito della separazione dalla moglie. Per questo motivo riceveva anche un sussidio pubblico. L'affitto dell'alloggio Itea, calcolato sulla base Icef e pagato sempre in modo regolare, era di 77 euro.

 

La situazione cambiò nel 2016 quando, a seguito di un accordo fra ex coniugi, i figli vengono affidati alla moglie. Per l'uomo, quindi, non solo un cambio del nucleo famigliare ma anche una diminuzione del proprio reddito. Situazione che però, paradossalmente, ha fatto schizzare l'affitto a 577 euro. Cosa era successo? L'Itea aveva adeguato l'affitto dell'uomo in base ai dati Icef tenendo conto della nuova situazione del nucleo famigliare ma considerando il redditto del 2014 quando l'uomo era destinatario di aiuti pubblici.

 

L'uomo ha continuato a pagare sempre 77 euro fino a quando non è arrivata la lettera da parte dell'Itea di revoca dell'alloggio. L'inquilino si è quindi rivolto a due avvocati e al giudice che alla fine, come già detto, gli ha dato ragione stabilendo per l'Itea il ricalcolo dell'Icef e annullando la richiesta di revoca dell'alloggio.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 novembre - 13:55

Diverse le valanghe, due in particolare di grandi dimensioni, che sono piombate sulla carreggiata lungo la strada statale 42, diversi i veicoli sfiorati, mentre due vetture sono state centrata dallo scivolamento della neve dalla rampa dell'arteria

15 novembre - 13:25

Situazione difficile anche in Alto Adige, quasi tutti i passi sono stati chiusi per ragioni di sicurezza. Il grado di pericolosità per quanto riguarda le valanghe è stato portato al livello forte, il quarto su una scala di cinque. Dalle 21 di ieri sera l'autostrada del Brennero in direzione Nord, a partire da San Michele all'Adige, sarà percorribile lungo una sola corsia di marcia

15 novembre - 11:36

L'incidente è avvenuto questa mattina ed ha comportato alcuni problemi al traffico. Sul posto i vigili del fuoco, soccorsi sanitari e io carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato