Contenuto sponsorizzato

Esplosione in una falegnameria, macchina dei soccorsi in azione

E' successo poco dopo le 16 a Molina in Val di Fiemme. Sul posto ambulanza e elicottero, vigili del fuoco di Castello Molina, il corpo di Castello e carabinieri, oltre agli ispettori dell'Uopsal
QUI AGGIORNAMENTO

Pubblicato il - 12 ottobre 2018 - 17:22

MOLINA DI FIEMME. Grave incidente sul lavoro in Val di Fiemme. E' successo in zona via Segherie poco dopo le 16 a Castello Molina.

 

Secondo le prime informazioni, ci sarebbe stata un'esplosione all'interno di una falegnameria e almeno un operaio potrebbe essere rimasto coinvolto nell'incidente. A esplodere sarebbe stato un compressore.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza e elicottero, vigili del fuoco di Molina, il corpo di Castello e carabinieri per effettuare i rilievi e ricostruire la dinamica.

 

Anche gli ispettori dell'Uopsal hanno raggiunto il luogo dell'esplosione per le verifiche in caso di incidente sul lavoro.

 

I pompieri e le forze dell'ordine hanno subito messo in sicurezza e isolato l'area, non sono ancora note le condizioni sanitarie della persona ferita.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato