Contenuto sponsorizzato

E' in condizioni critiche l'82enne coinvolto nell'esplosione in una falegnameria in Val di Fiemme

L'incidente è avvenuto poco dopo le 16 all'interno di una falegnameria in via Segherie a Molina di Fiemme. A esplodere un compressore, immediato l'intervento dei soccorsi

QUI AGGIORNAMENTO

Pubblicato il - 12 ottobre 2018 - 18:47

MOLINA DI FIEMME. E' stato trasportato in elicottero in gravissime condizioni l'uomo di 82 anni rimasto coinvolto nell'esplosione all'interno di una falegnameria a Molina di Fiemme.

 

Sono da poco passate le 16 quando in tutto il centro abitato si sente un forte boato e il rumore di un'esplosione in zona via Segherie.

 

Per cause ancora in fase di accertamento, un compressore è esploso in modo molto forte e l'onda d'urto ha investito l'82enne, padre del titolare del laboratorio, che è stato sbalzato per diversi metri.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono subito portati i soccorsi, due ambulanze e l'elicottero, quindi i vigili del fuoco di Molina e il corpo di Castello, oltre ai carabinieri e agli ispettori dell'Uopsal per effettuare i rilievi e ricostruire la dinamica. 

 

I pompieri e le forze dell'ordine hanno subito messo in sicurezza e isolato l'area al fine di permettere l'intervento del personale medico.

 

I sanitari hanno prestato le cure al ferito, il quale è stato stabilizzato e immobilizzato per essere elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento, dove è ricoverato in condizioni critiche al reparto di rianimazione.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 16:33

Il punto vendita sarà aperto in piazza Venezia 12 la prossima settimana. All'interno si potranno trovare formaggi, ortaggi ma anche un punto lettura e tanto altro

02 giugno - 06:01

Ci sono date che incarnano più di altre i passaggi decisivi della storia di un Paese. Il 2 giugno 1946 ha per una famiglia roveretana una doppia valenza, legata alla vicenda di un fante partito per la guerra in Africa settentrionale, caduto prigioniero degli inglesi e ritornato in patria proprio quando c'era da decidere tra "Repubblica" e "Monarchia". Riabbracciati i propri cari, Aldo Farinati non avrebbe avuto dubbi su cosa votare

02 giugno - 10:41

Secondo le prime informazioni lo schiacciamento della mano avrebbe portato al piccolo all'amputazione di alcune dita. Sul posto l'elicottero che lo ha trasporto in codice rosso a Peschiera 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato