Contenuto sponsorizzato

Falso allarme nei boschi di Sant'Orsola, ma la macchina dei soccorsi ha risposto presente

L'allarme è scattato intorno alle 11.30. Le squadre di terra tra soccorso alpino e vigili del fuoco volontari alla ricerca di una persona. In volo anche elicottero e droni

Pubblicato il - 14 March 2018 - 19:58

SANT'ORSOLA. L'allarme è stato lanciato intorno alle 11.30, quando un escursionista ha allertato i soccorsi per aver sentito delle urla d'aiuto in zona Cima Costalta in località Marciana

 

Subito si attivate le squadre di terra tra gli uomini del Soccorso alpino e quelli dei vigili del fuoco volontari di Sant'Orsola per cercare di individuare la persona dispersa, forse scivolata in qualche canalone oppure persa nel bosco.

 

Per un breve periodo si è anche alzato in volo l'elicottero e la macchina delle ricerche si è avvalsa dei droni dei pompieri, ma anche delle unità cinofile della Scuola provinciale per setacciare l'area e cercare di individuare la persona. 

 

Dopo diverse ore i soccorsi sono riusciti a rintracciare un uomo della zona in passeggiata con i cani, che, inavvertitamente avrebbe confuso l'escursionista, per far partire le ricerche. Alle 15.30 circa è arrivato il rompete le righe per Soccorso alpino e vigili del fuoco. Fortunatamente si sarebbe trattato solo di un falso allarme, che però ha messo in evidenza la professionalità e la velocità di risposta dei soccorsi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 20:08

Sono 211 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 38 pazienti sono in terapia intensiva. Oggi 1 decesso. Sono 87 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

26 February - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

26 February - 18:02

Adesso si parte con la fase successiva. Il virologo del Cibio, Massimo Pizzato: "La prossima settimana prevediamo di proseguire con lo studio. Un migliaio di analisi in parallelo ai tamponi molecolari per verificare la sensibilità dei test salivari. Poi si parte a regime, questo step dovrebbe iniziare a metà marzo"

 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato