Contenuto sponsorizzato

Falso allarme nei boschi di Sant'Orsola, ma la macchina dei soccorsi ha risposto presente

L'allarme è scattato intorno alle 11.30. Le squadre di terra tra soccorso alpino e vigili del fuoco volontari alla ricerca di una persona. In volo anche elicottero e droni

Pubblicato il - 14 marzo 2018 - 19:58

SANT'ORSOLA. L'allarme è stato lanciato intorno alle 11.30, quando un escursionista ha allertato i soccorsi per aver sentito delle urla d'aiuto in zona Cima Costalta in località Marciana

 

Subito si attivate le squadre di terra tra gli uomini del Soccorso alpino e quelli dei vigili del fuoco volontari di Sant'Orsola per cercare di individuare la persona dispersa, forse scivolata in qualche canalone oppure persa nel bosco.

 

Per un breve periodo si è anche alzato in volo l'elicottero e la macchina delle ricerche si è avvalsa dei droni dei pompieri, ma anche delle unità cinofile della Scuola provinciale per setacciare l'area e cercare di individuare la persona. 

 

Dopo diverse ore i soccorsi sono riusciti a rintracciare un uomo della zona in passeggiata con i cani, che, inavvertitamente avrebbe confuso l'escursionista, per far partire le ricerche. Alle 15.30 circa è arrivato il rompete le righe per Soccorso alpino e vigili del fuoco. Fortunatamente si sarebbe trattato solo di un falso allarme, che però ha messo in evidenza la professionalità e la velocità di risposta dei soccorsi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 marzo - 11:31

Trimarchi viene ricordata per la sua professionalità e la sua disponibilità, la sua verve, simpatica e cordiale. "Una figura importante, un punto di riferimento" ricorda il consigliere provinciale Luca Guglielmi 

31 marzo - 07:42

La 57enne, una professionista di S. Teresa di Riva in provincia di Messina, era medico di medicina generale in servizio all’Azienda provinciale per i servizi sanitari e operativa a Pozza di Fassa. Paoli: "Abbiamo risposto presente a questa battaglia, se avesse i Dpi forse non saremmo qui a piangere la morte di una collega. Ora siamo ancor più preoccupati sul quadro generale, se sia veritiero quanto ci viene comunicato"

31 marzo - 11:33

In Alto Adige la situazione pare crescere a ritmi molto più bassi rispetto al Trentino. Nel bollettino quotidiano dell'Azienda sanitaria altoatesina sono stati comunicati 60 casi in più e 3 nuovi decessi, portando il bilancio a 1352 casi e 77 decessi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato