Contenuto sponsorizzato

Falso allarme nei boschi di Sant'Orsola, ma la macchina dei soccorsi ha risposto presente

L'allarme è scattato intorno alle 11.30. Le squadre di terra tra soccorso alpino e vigili del fuoco volontari alla ricerca di una persona. In volo anche elicottero e droni

Pubblicato il - 14 marzo 2018 - 19:58

SANT'ORSOLA. L'allarme è stato lanciato intorno alle 11.30, quando un escursionista ha allertato i soccorsi per aver sentito delle urla d'aiuto in zona Cima Costalta in località Marciana

 

Subito si attivate le squadre di terra tra gli uomini del Soccorso alpino e quelli dei vigili del fuoco volontari di Sant'Orsola per cercare di individuare la persona dispersa, forse scivolata in qualche canalone oppure persa nel bosco.

 

Per un breve periodo si è anche alzato in volo l'elicottero e la macchina delle ricerche si è avvalsa dei droni dei pompieri, ma anche delle unità cinofile della Scuola provinciale per setacciare l'area e cercare di individuare la persona. 

 

Dopo diverse ore i soccorsi sono riusciti a rintracciare un uomo della zona in passeggiata con i cani, che, inavvertitamente avrebbe confuso l'escursionista, per far partire le ricerche. Alle 15.30 circa è arrivato il rompete le righe per Soccorso alpino e vigili del fuoco. Fortunatamente si sarebbe trattato solo di un falso allarme, che però ha messo in evidenza la professionalità e la velocità di risposta dei soccorsi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato