Contenuto sponsorizzato

Favoreggiamento all'immigrazione clandestina, condannato un 54enne trentino

L'uomo aveva chiesto alla Provincia l'arrivo di 10 lavoratori. Dai controlli delle particelle di terreno agricolo, invece, ne bastava uno

Pubblicato il - 20 marzo 2018 - 08:35

TRENTO. Favoreggiamento all'immigrazione clandestina questa l'accusa che ha portato alla condanna un agricoltore di Trento, con dei terreni a Terlago, Gianluigi Tabarelli de Fatis, ad un anno di reclusione oltre a 247 mila euro di multa, pena sospesa.

 

La vicenda risale a qualche anno fa e nasce dall'idea dell'agricoltore, 54enne, di coltivare spezie ed ortaggi che vengono molto usati dagli immigrati in cucina per ricordare i sapori della propria terra. Il tutto con la collaborazione con un negozio che si occupa di prodotti etnici gestito da Nazmul Islam (per lui la definizione di una pena ad 8 mesi).

 

Ecco allora l'idea di coltivare dalle patate americane, la menta fino al coriandolo per poi poterli commercializzare. Per il progetto servivano però dei lavoratori e l'agricoltore ha quindi richiesto al Servizio lavoro della Provincia, di far arrivare 10 lavoratori dal Bangladesh.

 

Da qui sono scattati i controlli da parte della Provincia rapportando la richiesta di lavoratori con le particelle di terreno a disposizione dell'agricoltore dai quali è risultato che potevano sostenere l'impiego di appena una unità lavorativa. Non aveva nessun senso quindi la richiesta di 10 lavoratori dal Bangladesh. Ecco allora l'accusa di favorire l'immigrazione clandestina.

 

L'uomo, come già detto, ha ricevuto una condanna pesante con un anno e ad una maxi multa con sospensione condizionale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 maggio - 06:01

Il segretario organizzativo della Dc del Trentino Andrea Brocoli, che negli scorsi giorni è sceso in campo per sostenere Marcello Carli come candidato sindaco, ha due pagine Instagram e una pagina Facebook che, per usare un eufemismo, sarebbero piaciute poco alla Dc di un tempo. Un mix esplosivo tra donne in palestra, satiri, criminali nazisti, esoterismo, Degasperi, Scudi Crociati e politici di casa nostra

31 maggio - 08:26

L'allarme è scattato ieri sera e sul posto si sono portati diversi vigili del fuoco del territorio. Presenti i corpi di Campodazzo, Siusi, Umes assieme alla Croce Bianca e alle forze dell'ordine

31 maggio - 08:55

L’incidente è avvenuto intorno alle 5e45, due persone sono rimaste incastrate nei rottami del mezzo uscito di strada e finito ruote all’aria: c’è un morto, l’altro ferito è grave

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato