Contenuto sponsorizzato

Favoreggiamento all'immigrazione clandestina, condannato un 54enne trentino

L'uomo aveva chiesto alla Provincia l'arrivo di 10 lavoratori. Dai controlli delle particelle di terreno agricolo, invece, ne bastava uno

Pubblicato il - 20 marzo 2018 - 08:35

TRENTO. Favoreggiamento all'immigrazione clandestina questa l'accusa che ha portato alla condanna un agricoltore di Trento, con dei terreni a Terlago, Gianluigi Tabarelli de Fatis, ad un anno di reclusione oltre a 247 mila euro di multa, pena sospesa.

 

La vicenda risale a qualche anno fa e nasce dall'idea dell'agricoltore, 54enne, di coltivare spezie ed ortaggi che vengono molto usati dagli immigrati in cucina per ricordare i sapori della propria terra. Il tutto con la collaborazione con un negozio che si occupa di prodotti etnici gestito da Nazmul Islam (per lui la definizione di una pena ad 8 mesi).

 

Ecco allora l'idea di coltivare dalle patate americane, la menta fino al coriandolo per poi poterli commercializzare. Per il progetto servivano però dei lavoratori e l'agricoltore ha quindi richiesto al Servizio lavoro della Provincia, di far arrivare 10 lavoratori dal Bangladesh.

 

Da qui sono scattati i controlli da parte della Provincia rapportando la richiesta di lavoratori con le particelle di terreno a disposizione dell'agricoltore dai quali è risultato che potevano sostenere l'impiego di appena una unità lavorativa. Non aveva nessun senso quindi la richiesta di 10 lavoratori dal Bangladesh. Ecco allora l'accusa di favorire l'immigrazione clandestina.

 

L'uomo, come già detto, ha ricevuto una condanna pesante con un anno e ad una maxi multa con sospensione condizionale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato