Contenuto sponsorizzato

Festa privata universitaria finisce con bottiglie e degrado in strada, i 5 Stelle: "Cercare i responsabili e addebitargli le spese"

La festa è degenerata in una porcilaia in strada tanto che Dolomiti Ambiente questa mattina ha dovuto raddoppiare i mezzi di pulizia. I consiglieri comunali del movimento chiedono se sia possibile individuare gli organizzatori della festa e sanzionarli

Pubblicato il - 15 marzo 2018 - 16:31

TRENTO. "E' possibile individuare i responsabili organizzatori della festa e addebitare loro le spese di pulizia oltre a comminare eventuali sanzioni?". Lo chiedono i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Maschio, Negroni e Santini a poche ore da una festa che si è tradotta in un porcile ai danni della comunità. Via delle Orfane, infatti, questa mattina agli occhi degli operatori ecologici di Dolomiti Ambiente si presentava piena di bottiglie, cocci di vetro, lattine, immondizia di ogni tipo. La ragione? Una festa privata avvenuta la scorsa notte in un appartamento, per studenti universitari.

 

Universitari sì, ma, va detto, davvero poco furbi visto che dar prova di una tale maleducazione alla prima serata un po' primaverile, non potrà che far irrigidire l'amministrazione e tutta la cittadinanza nei confronti di quel mondo universitario che invece avrebbe, obiettivamente, bisogno di una vita notturna più attiva. Ma se il buongiorno si vede dal mattino (e questa mattina per chi si è svegliato in zona era tutt'altro che un buongiorno) la prima chance è già andata. I consiglieri 5 Stelle hanno fatto una giusta domanda di attualità in Comune e la questione non potrà che essere affrontata con severità anche a livello amministrativo.

 

Il testo recita così: "Domanda d'attualità 'Degrado in Via delle Orfane' presentata da Andrea Maschio, Marco Santini, Paolo Negroni Consiglieri comunali Movimento 5 Stelle Trento. Si apprende in data odierna che ieri serata una festa privata in appartamento in Via delle Orfane è poi proseguita per strada con abbandono ovunque di rifiuti ed uso delle auto come tavolini. Nel richiedere se sia vero quanto denunciato sui giornali ci chiediamo se sia possibile individuare i responsabili organizzatori della festa e addebitare loro le spese di pulizia oltre a comminare eventuali sanzioni".

 

Insomma, "la festa è già finita, gli amici se ne vanno" e i cocci teneteveli a casa. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 19:22

L'assessore Spinelli: ''Continua l'impegno della Provincia nei confronti dei soggetti deboli sul mercato del lavoro". Cgil, Cisl e Uil: "tutti i nodi critici sono irrisolti". L'ex assessore Olivi: "Agiscono sulle stretta ai requisiti di accesso, c'è un restringimento della platea dei beneficiari, proprio nel momento in cui il mercato del lavoro presenta il conto della transizione generazionale, si colpisce nella frattura della storia lavorativa di una persona''

24 gennaio - 13:35

Il consigliere Giorgio Tonini: “E’ questo un provvedimento che non può non trovare condivisione generale, proprio perché non si pone l’obiettivo di indagare e prevenire una forma specifica di odio, bensì tutte le rappresentazioni del sentimenti di intolleranza e discriminazione che accompagnano il quotidiano dell’intero Trentino”

24 gennaio - 16:03

Si tratta di un esemplare adulto rimasto vittima di un cavo d'acciaio che lo ha intrappolato al basso ventre. A casa dei bracconieri, padre e figlio, i forestali e i carabinieri hanno trovato anche altri palchi e altre mandibole di cervo, munizioni irregolari e armi modificate

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato