Contenuto sponsorizzato

Fontana del Nettuno danneggiata, non è un atto vandalico e i fatti risalgono a questa estate

Il danneggiamento del cavallo della fontana del Nettuno non è l'azione premeditata di un folle e nemmeno è successo di recente come riportato oggi da qualche quotidiano. La conferma arriva anche dalla foto di una nostra lettrice, Giada Bernardinatti, spedita a ildolomiti.it che risale a Ferragosto

Di Giuseppe Fin - 13 novembre 2018 - 13:14

TRENTO. Non è stato nessun atto vandalico a danneggiare la fontana del Nettuno e di certo non è avvenuto la scorsa settimana.

 

Sui giornali cartacei di oggi si parla “di atto di vandalismo provocato dalla presenza di più persone seduti sul ginocchio” dando per certo che fosse avvenuto di recente.

 

Nulla di tutto questo. Noi de ildolomiti.it abbiamo cercato di approfondire la questione dopo l'email di denuncia inviata dalla consigliera circoscrizionale del Centro Storico Piedicastello, Martina Loss, con tanto di foto.

 

Un aiuto importante per il nostro approfondimento è arrivato dai lettori che dopo aver letto la notizia di quello che era successo alla fontana di piazza Duomo ci hanno inviato una foto scattata a Ferragosto di quest'anno, dello stesso cavallo e con lo stesso danno.

 

Il fatto che ci sia il danneggiamento è comunque grave ma la conferma che non si tratti di un atto vandalico e che non è avvenuto in tempi recenti è arrivata questa mattina dagli esperti del comune che abbiamo contattato.

 

“Abbiamo fatto un sopralluogo con la sovraintendenza – ha spiegato l'architetto Anna Bruschetti – e abbiamo preso atto delle circostanze. Ci era già stata inviata una segnalazione di questo problema questa estate con anche il ritrovamento dei frammenti che ci erano stati consegnati con tanto di verbale”.

 

Da qui si capisce che non si tratta di un danno avvenuto la scorsa settimana ma bensì che risale ormai a diversi mesi fa.

 

“Di fatto – ha precisato l'architetto - non siamo davanti ad un atto vandalico ma c'è un problema di degrado della fontana. Quella parte era già stata sistemata e reintegrata probabilmente con i restauri avvenuti negli anni '90”.

 

Il degrado, quindi, causato anche dalle intemperie, ha “indebolito” la struttura e qualcuno, toccandola involontariamente, ne ha provocato il distacco di un pezzo.

 

Gli esponenti leghisti, che domenica scorsa hanno denunciato il danneggiamento, avevano già presentato nel 2015 un documento firmato da Martina Loss e Antonio Manara per chiedere maggiori tutele per salvaguardare il monumento.

 

Il monumento che si trova in piazza Duomo è risalente al XVIII secolo. La statua originale fu realizzata da Stefano Salterio da Como ed è ora custodita nel cortile del Palazzo Thun.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 12:03

E' successo questa mattina. I due uomini stavano risalendo il canalone con i ramponi quando, probabilmente, sono stati investiti da una scarica di sassi e Zenatti ha perso l'equilibrio

26 maggio - 12:18

Partito dal paese natale di Puos d'Alpago, in provincia di Belluno, Mario Cimarosti ha compiuto in vent'anni oltre 24mila chilometri, esplorando l'Asia lungo la via che fu percorsa da Marco Polo. Tutte le esperienze le ha raccolte in "Ai confini dell'Asia. Avventure e incontri tra zar, sultani e maioliche", libro disponibile in libreria e online, per viaggiare con la mente in questo momento di chiusura dei confini

27 maggio - 12:27

Nel quotidiano aggiornamento sulla situazione Coronavirus in provincia, l'Azienda sanitaria altoatesina non ha registrato nessun nuovo contagio su 738 tamponi effettuati. Ancora 0 il numero dei decessi. Il bilancio, ben differente da Trentino, rimane dunque stabile a 2593 infetti e 291 vittime

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato