Contenuto sponsorizzato

Gli studenti fanno festa: bottiglie, bicchieri e vetri rotti dappertutto. Quattro mezzi spazza-strade per pulire

E' successo nella notte in via delle Orfane. La festa in un appartamento ma poi si è trasferita nella via. Sporcizia ovunque

Pubblicato il - 15 March 2018 - 10:30

TRENTO. Bicchieri, bottiglie, alcune in frantumi. Sporcizia ovunque e i marciapiedi che anche dopo il passaggio degli spazzini risultavano appiccicaticci. Nella notte un gruppo di studenti universitari si è riunito per una festa in uno degli appartamenti della zona, per poi concludere la serata in strada.

 

"Questa mattina era uno schifo - spiega la barista del Dersut di via delle Orfane - la strada era completamente ricoperta di immondizia, proprio qui davanti. Gli abitanti del palazzo hanno chiamato i vigili urbani e poco dopo sono intervenuti i mezzi che spazzano le strade". 

 

Dolomiti Ambiente, che di solito effettua il servizio di pulizia con due mezzi, è intervenuta con quattro. "Nessuno ci aveva segnalato una particolare iniziativa in serata - fa sapere l'azienda - altrimenti ci saremmo preparati per un intervento straordinario". 

 

La festa era privata, nessun obbligo di comunicare alcunché. Ma poi si è svolta direttamente in strada, forse l'afflusso è stato maggiore del previsto e l'appartamento non riusciva a contenere tutti gli studenti. Alla fine, sui marciapiedi e sul tratto carrabile, è rimasta l'immondizia.

 

Bastava mettere bottiglie e bicchieri nel cestino, non serviva abbandonare tutto a terra, e non serviva nemmeno lasciare le bottiglie sui cofani delle macchine in sosta, usate come tavolini. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 March - 20:14

Ecco il quadro odierno del contagio in Trentino. Due i decessi avvenuti in provincia con Covid: si tratta di un uomo e una donna

03 March - 19:30

Protagonista di un incidente che sarebbe potuto finire in tragedia, già nel pomeriggio di mercoledì 3 marzo "l'uomo con il carrello" è stato visto a Pergine, città che, nonostante le denunce e gli interventi delle autorità, pare "tenere in scacco". Il sindaco Oss Emer: "Abbiamo provato di tutto. Ci deve essere un buco normativo"

03 March - 18:42

Il presidente ha confermato l'intenzione di proseguire con le lezioni in presenza. Ferro ha raccomandato di arieggiare gli spazi chiusi e mantenere le distanze sociali: ''Non ci rendiamo conto di quanto sia stressato il nostro sistema sanitario per questo aumento dei ricoveri che temo per i prossimi 10 giorni non potranno che aumentare''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato