Contenuto sponsorizzato

In aumento gli abusi edilizi, a Trento ogni anno 350 procedimenti. Gli Ingegneri: "Problemi maggiori negli edifici vecchi"

Sanzioni a partire da 1500 euro. I procedimenti avviati riguardano sopratutto la costruzione di finestre, verande o terrazze senza averne chiesto l'autorizzazione. Per le forme gravi di abusivismo che non si possono sanare si può arrivare fino  all'abbattimento. 

Di gf - 10 febbraio 2018 - 19:21

TRENTO. In Italia secondo Legambiente l’abusivismo edilizio rimane una vera e propria piaga. Accanto a quello nuovo che, secondo sempre i dati dell'associazione ambientalista ha prodotto nel 2016 in tutto il Paese 17 mila case fuorilegge, è in crescita quello degli edifici esistenti.

 

Immobili realizzati gli anni '60 e '70 che spesso presentano delle difformità tra il progetto e la reale realizzazione ma non solo.

 

“Invitiamo tutti i cittadini ad effettuare un check up dei propri edifici” è l'invito arrivato nei giorni scorsi dal presidente dell'Ordine degli ingegneri, Giovanni Maria Barbareschi, in occasione della presentazione del “tecnico unico per i permessi di costruire”. "I problemi maggiori - spiega - li abbiamo negli edifici che ormai hanno qualche anno". 

 

Anche a Trento, infatti, i procedimenti riguardanti i contenziosi edilizi arrivano in media 350 all'anno e circa il 20% sono riconducibili a difformità di varia natura.

“Negli ultimi anni – spiega Cristian Martinelli, dirigente dell'Ufficio Edilizia privata del Comune di Trento – abbiamo assistito ad un aumento dei contenziosi. Questo è avvenuto per diversi motivi che hanno portato le persone alla richiesta di regolarizzazione della propria posizione”.

 

Tra le difformità, spesso segnalate dai cittadini e poi controllate dai tecnici comunali, troviamo l'apertura di finestre, o cosiddetti punti luce, senza alcuna autorizzazione e la posizione di poggioli che spesso si trovano a diversi metri di differenza rispetto a quanto previsto dal progetto. Nei contenzioni edilizi non mancano però anche situazioni peggiori con verande o terrazze che vengono realizzate senza, anche in questo caso, l'ok dal Comune.

 

“Le attività – continua Martinelli – dell'Ufficio controllo e contenzioso sono raddoppiate. Nel Trentino non abbiamo ancora forme gravi di abusivismo ma l'attenzione deve rimanere alta”.

 

Alla richiesta di sanatori corrisponde anche una sanzione che varia a seconda della gravità della situazione partendo da un minimo di 1500 euro e fino, per i casi più gravi, al 150% del valore del lavoro o addirittura l'abbattimento.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 novembre - 10:25

Una decisione irrevocabile, non c'è spazio di contrattazione o ripensamenti. A far traboccare il vaso è stato il mancato sostegno da parte di alcuni componenti di maggioranza sulle modifiche al Prg. "Non ci interessa 'tirare a campare': non intendiamo tradire nessun elettore che ha riposto in noi e nella nostra coalizione la propria fiducia". Ora verrà nominato un commissario per traghettare il Comune a prossime elezioni

19 novembre - 11:11

E' avvenuto al casello di Bolzano Sud, dove la squadra mobile della polizia del capoluogo altoatesino, impegnata in un regolare controllo anticrimine, ha fermato un veicolo con alla guida un pregiudicato 39enne. Dalla successiva perquisizione emergevano una consistente somma di denaro in contanti e 4 etti di cocaina nascosti nell'autoradio

19 novembre - 05:01

C'è voluta una richiesta di accesso agli atti dell'ex assessore Michele Dallapiccola per avere quelle conferme in più, che la Provincia fin dal primo momento non ha voluto comunicare: "Da veterinario alcuni aspetti nella relazione non mi convincono: farò delle interrogazioni". Intanto sulla vicenda è silenzio da piazza Dante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato