Contenuto sponsorizzato

In San Marco entrano nel negozio e rubano una katana, una spada giapponese

Tre uomini intorno alle 18 sono entrati nella Coltelleria San Marco, hanno distratto una commessa e si sono appropriati della spada

Pubblicato il - 29 marzo 2018 - 18:44

TRENTO. Hanno rubato nientemeno che una katana, una spada giapponese delle più classiche, quelle a lama curva che siamo abituati a vedere nelle mani dei samurai e guerrieri in film e cartoni. E, invece, questa è la realtà.

 

Siamo a Trento, in zona San Marco quando, nel tardo pomeriggio, tre uomini stranieri sono entrati nel negozio "Coltelleria San Marco" e, dopo essersi aggirati per un po' all'interno dell'esercizio commerciale si sono appropriati di una delle spade esposte in bella mostra anche in vetrina.

 

I tre, raccontano i negozianti, erano già passati nel primo pomeriggio, probabilmente per fare un giro di perlustrazione. Poi sono tornati intorno alle 18. Uno di loro ha lasciato cadere un pezzo di carta, la commessa si è piegata per raccoglierlo e loro, dopo aver afferrato la spada, si sono dati alla fuga.

 

La katana in questione, non era di quelle affilate (che sono considerate vere e proprie armi, per essere acquistate serve il porto d'armi ed hanno un alto valore commerciale di oltre 200 euro). La polizia è subito arrivata sul posto. Tutto il furto è stato ripreso dalle telecamere e le forze dell'ordine sono già sulle tracce dei ladri.  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 15:00

E' successo poco prima di mezzanotte, sul posto  una volante della squadra mobile e la polizia locale. Due denunce 

16 luglio - 13:01

Dopo i tanti comitati locali e associazioni ambientaliste intervenuti per denunciare i pesanti interventi sulle montagne di Cortina, anche il Cai Veneto ha deciso di scendere in campo lanciando un allarme per la "pressione ambientale insostenibile" sulle montagne di Cortina. Nelle settimane scorse, i mondiali di sci erano stati confermati per il 2021

16 luglio - 13:05

Questi paesi si aggiungono a Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del nord, Moldavia, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana e il divieto comprende tutti i mezzi di trasporto. Restano però aperti i collegamenti con gli Stati Uniti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato