Contenuto sponsorizzato

Inchiesta sulla sanità, trasferiti ad altro incarico due persone indagate

Il provvedimento è stato assunto dal direttore generale Paolo Bordon a tutela dell'Azienda. Tre gli indagati dell'Azienda sanitaria in Alto Adige 

Pubblicato il - 31 gennaio 2018 - 11:27

TRENTO. Il direttore generale dell'Azienda sanitaria trentina, Paolo Bordon, a seguito dell'inchiesta coordinata dai pm Liverani e Russo su presunte mazzette e gare pilotate, ha assunto un provvedimento di trasferimento, in comune accordo, di due persone indagate.

 

Per i due trasferiti ad altro incarico le gravi accuse sarebbero associazione a delinquere finalizzata a turbativa d'asta, corruzione e rivelazione di segreti.

 

Le delibere assunte dal direttore dell'Azienda sanitaria saranno secretate per non creare ripercussioni sulle indagini. Le indagini sono partite da ormai diversi mesi con l'utilizzo anche di intercettazioni telefoniche, analisi delle documentazioni, e da ultimo le perquisizioni negli uffici e abitazioni degli indagati. Il lavoro degli inquirenti avrebbe messo in luce che una decina di gare d'appalto sarebbero state pilotate, assegnate previo scambio di "contributi" e piaceri, vere e proprie mazzette.

 

L'inchiesta oltre a coinvolgere l'azienda sanitaria di Trento riguarderebbe anche la sanità in Alto Adige dove le indagini riguarderebbero due persone di Bolzano e una di Merano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 luglio - 07:54

Ex presidente della Giunta Provinciale e primo segretario del Patt nel 1988, Carlo Andreotti, critica le scelte fatte nel corso degli anni, in primis dal centrosinistra e poi dal centrodestra, che hanno depotenziato la nostra Autonomia. La via maestra da seguire? "Serve più Euregio"  

05 luglio - 19:43

Si trovava in acqua all'altezza della spiaggia davanti al Pescatore e all'Europa. Sembra si trovasse su un pedalò quando, una volta in acqua, è sprofondato. Ancora una volta il Nucleo sommozzatori (ancora non messo nelle condizioni di partire direttamente da Mattarello come accadeva negli scorsi anni) non è arrivato in tempo utile

05 luglio - 16:51
Il drammatico scontro è avvenuto intorno alle 15.30 di oggi, domenica 5 luglio, all'altezza del campo da tamburello tra Dro e Drena. Si è verificato un violentissimo scontro tra una vettura e una moto, quest'ultima con a bordo due persone
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato