Contenuto sponsorizzato

L'auto prende fuoco in statale, intervengono i pompieri

E' successo lungo la strada statale 237 del Caffaro all'altezza di Limarò tra Sarche e Tione. Intervento dei vigili del fuoco volontari della zona

Pubblicato il - 01 giugno 2018 - 20:23

SARCHE. Tanta paura intorno alle 17.30 lungo la strada statale 237 del Caffaro

 

Il conducente della vettura stava risalendo da Sarche in direzione Tione, quando all'altezza di Limarò diversi automobilisti in senso contrario hanno iniziato a segnalargli qualche problema.

 

L'uomo ha così iniziato a scorgere del fumo uscire dalla parte anteriore del veicolo, forse per un guasto oppure per il surriscaldamento di qualche componente.

 

A quel punto il conducente ha cercato di accostare per lanciare l'allarme.

 

Le fiamme nel frattempo sono divampate e hanno avvolto l'abitacolo: il fuoco ha presto iniziato a carbonizzare tutta l'auto.

 

Sul posto si sono subito portati i vigili del fuoco volontari di Calavino che hanno circoscritto l'area e messo in sicurezza la zona per avviare le operazioni di spegnimento, oltre ai soccorsi e alle forze dell'ordine per gestire il traffico e effettuare i rilievi.

 

Fortunatamente solo tanta paura e non si registrano feriti oppure intossicati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 18:58

Per Cgil, Cisl e Uil il ridimensionamento del bilancio di Agenzia del Lavoro si tradurrà in un contenimento della spesa per la formazione e la riqualificazione professionale, blocco agli incentivi alle assunzioni stabili per i disoccupati deboli, azzeramento della staffetta occupazionale, stop al reddito di attivazione. Il tutto mentre si investono 8 milioni in strategie di welfare che saranno superate dal governo nazionale

13 dicembre - 19:15

La specie in provincia è diffusa soprattutto in Valsugana. La Fem: ''E' molto resistente perché capace di creare delle nicchie ad altitudini sensibilmente maggiori rispetto alla zanzara tigre. L'estate scorsa abbiamo rilevato un caso davvero particolare, seppure isolato: la presenza di una colonia addirittura ad una altitudine di 1.500 metri''

13 dicembre - 17:52

Il gatto pare sia di casa Rifugio Predaia e dopo che gli escursionisti che lo hanno incontrato hanno postato delle foto su Facebook, in breve tempo, la storia di “Scòdega” è diventata virale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato