Contenuto sponsorizzato

L'ultima immagine di Marco Boni prima della scomparsa ripreso dalla telecamera in Piazza Garibaldi, smentita la pista bresciana

Ripreso a Riva del Garda, il giorno della sua scomparsa, il 16 febbraio alle 14.47 il giovane indossava un cappotto nero. Smentita la pista di "Chi l'ha Visto" che portava nel bresciano. Su Facebook è intervenuto il giovane scambiato per il 16enne rivano: "Ero io il ragazzo che scendeva le Coste...sapevo che avrei dovuto far vedere i documenti a quei due signori"

Pubblicato il - 23 February 2018 - 13:18

RIVA DEL GARDA. Era stato ripreso dalla telecamera in Piazza Garibaldi, a Riva del Garda, il giorno della sua scomparsa, il 16 febbraio alle 14.47. E' questa l'ultima immagine diffusa del giovane 16enne scomparso da una settimana a Riva del Garda. Le telecamere della cittadina sono tutte al vaglio degli inquirenti che stanno cercando di ricostruire i suoi ultimi spostamenti e di capire dove si sarebbe diretto. Ieri mattina era emersa una possibile nuova pista, e dalle 8 alle 13 sono state effettuate le ultime ricerche nella zona di Cima Sat e del Monte Sperone, in un ambiente particolarmente impervio.

 

Una cella telefonica sembravano ricondurre a quell'area ma nonostante le ricerche nessun nuovo dettaglio è emerso tanto che il soccorso alpino e il nucleo speleologico hanno deciso di sospendere le ricerche. Continuano, invece, quelle delle forze dell'ordine e dei vigili del fuoco e anche le trasmissioni televisive proseguono ad occuparsi della vicenda. Questa sera se ne occuperà Quarto Grado su Rete 4 mentre mercoledì era stato il turno di "Chi l'ha Visto".

 

Poco dopo la diretta di Rai3 si è scatenato il tam tam sui social anche perché una coppia di signori, intervistati dalla trasmissione dnazionale, ha comunicato di aver visto Marco a Vallio Terme, nella provincia di Brescia. I due signori avevano chiesto al giovane, con occhiali e cappotto nero, se fosse lui il ragazzo che tutti stavano cercando in Trentino e lui aveva risposto di no ma i due avevano comunque segnalato la cosa alle forze dell'ordine. Ieri, nel primo pomeriggio quello stesso ragazzo che era stato notato dai due signori ha commentato sulla pagina Facebook di "Chi l'ha Visto" il post che riguardava Marco Boni. "Non è stato avvistato a Vallio - ha scritto - ero io il ragazzo che scendeva le Coste...sapevo che avrei dovuto far vedere i documenti a quei due signori. Ho parlato con una giornalista penso che del resto se ne occuperà lei".

 

 

Insomma la pista bresciana è stata smentita dallo stesso giovane che era stato scambiato per Marco. Le ricerche, dunque, continuano nella zona del Lago e sulla Ponale. Senza il soccorso alpino ma con le forze dell'ordine e i vigili del fuoco pienamente operativi.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 January - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

25 January - 07:58

La posizione della giovane potrebbe essere archiviata nei prossimi giorni.  Gli investigatori stanno cercando di ricostruire con esattezza cosa possa essere successo in quel 'buco' di 40 minuti nel tragitto tra Bolzano e Ora. La ricostruzione fatta per ora dagli investigatori è che proprio quei minuti siano serviti al figlio della coppia per mettere i genitori senza vita in auto e gettarli poi nell'Adige

24 January - 17:00

Dopo decenni di discussioni il Consiglio comunale di Rovereto ha approvato all’unanimità una mozione per impegnare la Giunta a elaborare un progetto concreto di collegamento ferroviario fra Rovereto e Garda. Il sindaco: “Guardiamo al futuro della mobilità sostenibile”. L’ingegnere che ha esteso il documento punta sul tram-treno: “Con un progetto di questo tipo una persona potrebbe salire a Riva del Garda e scendere a Trento senza cambiare mezzo”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato