Contenuto sponsorizzato

Maltempo, gli Alpini in campo per sostenere la popolazione: ''Le zone d'Italia che abbiamo aiutato ora vogliono dare una mano al Trentino''

Ad inizio settimana è stata lanciata l'iniziativa che ha come slogan "L'Alpino adotta un pino" con la vendita di panettoni il cui ricavato andrà ad aiutare i territori colpiti dal maltempo. Offerte di aiuto sono già arrivate da diversi gruppi di alpini di tutta Italia 

Foto tratta da Facebook
Di Giuseppe Fin - 10 novembre 2018 - 11:04

TRENTO. La solidarietà del Trentino non ha davvero confini e mai come in questo momento sta dimostrando la sua importanza per consentire ad interi territori devastati dal maltempo di rialzarsi.

 

A non mancare, anche questa volta, sono gli alpini che non solo stanno lavorando assieme ai volontari in diverse zone per rimettere in sesto le strade e anche attraverso i Nuvola per aiutare intere famiglie, ma proprio in questi giorni hanno lanciato una nuova iniziativa che ha come slogan “L'Alpino adotta un pino”.

 

“Abbiamo deciso – ha spiegato il presidente delle penne nere trentine Maurizio Pinamonti – di scendere in campo per aiutare le tante persone che hanno bisogno nel nostro territorio e che sono state colpite dal maltempo. Per questo abbiamo deciso, accanto agli aiuti che stiamo già dando, di lanciare una vendita di panettoni e l'intero ricavato sarà interamente devoluto proprio per aiutare la popolazione trentina”.

 

Un panettone di 750 grammi all'interno di una latta personalizzata con all'interno anche una medaglietta della sezione di Trento, ad un costo di 10 euro. Il tutto si può ritirare nelle sedi dei vari gruppi sparsi sul territorio.


L'iniziativa è stata lanciata da poco ma ha già varcato i confini provinciali. “Ci sono tantissime persone – ha spiegato Pinamonti – che noi abbiamo aiutato anche durante il terremoto e che ora ci hanno già contattato e si sono resi disponibili non solo per acquistare questi panettoni ma anche per venderli nel loro territorio. E' un ringraziamento per tutto quello che noi abbiamo fatto per loro quando ne avevano bisogno”.

 

Ieri sera la sezione di Trento, ha spiegato il presidente, è stata contattata anche dal gruppo di Rovereto sulla Secchia in Emilia dove il Trentino ha dato una mano per la ricostruzione dopo il terremoto, ma nei giorni scorsi altri gruppi si sono fatti sentire dall'Abruzzo e da altre zone dell'Italia. “Si sono resi subito disponibili per vendere i panettoni e dare una mano”.

 

L'intero ricavato verrà utilizzato non solo per affrontare i problemi di disboscamento ma anche per aiutare la popolazione che deve affrontare i diversi danni subiti alle case e non solo.

 

“I nostri gruppi sul territorio – ha concluso Pinamonti – raccoglieranno le esigenze e a seconda delle emergenze verranno poi distribuiti i soldi. La solidarietà che stiamo raccogliendo è straordinaria”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
24 ottobre - 21:23
Un confronto per capire come rendere il territorio più attrattivo dal punto di vista turistico ma anche lavorativo. Gianni Battaiola (presidente [...]
Cronaca
24 ottobre - 21:19
Negli scorsi giorni si sono verificati altri gravi incidenti sul posto di lavoro. Sono, purtroppo, dieci le vittime in Trentino da inizio [...]
Politica
25 ottobre - 06:01
Sono diverse le zone scoperte sul fronte dei medici di base, una categoria in difficoltà. Ma non sono le uniche criticità per quanto riguarda il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato