Contenuto sponsorizzato

Muore per un malore a 35 anni su un sentiero della Val di Ledro. L'allarme lanciato dalla moglie

Immediato l'intervento del Soccorso Alpino ma ogni tentativo di rianimazione è stato vano. E' successo poco dopo mezzogiorno sul monte Cocca
 

Pubblicato il - 23 luglio 2018 - 15:47

LEDRO. La telefonata al numero unico di emergenza è stata fatta dalla moglie ed è stata raccolta dagli operatori alle 12.20. Il marito, un trentacinquenne marchigiano, si è accasciato mentre con lei percorreva un sentiero sul monte Cocca in valle di Ledro.

 

L'uomo è stato colpito da un malore improvviso. La macchina dei soccorsi si è subito mobilitata e il coordinatore dell’Area operativa Trentino Meridionale del Soccorso Alpino ha immediatamente chiesto l’intervento dell’elicottero, decollato velocemente dall'aeroporto Caproni.

 

Dopo pochi minuti l'equipe medica e gli operatori del Soccorso alpino hanno raggiunto il posto ma ogni tentativo di rianimazione è stato vano. L'uomo è morto e la salma è stata trasportata a Pieve di Ledro.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato