Contenuto sponsorizzato

Nella missione spaziale cinese anche la ricerca trentina è protagonista

L'obiettivo della missione è individuare correlazioni spazio temporali tra le variazioni di parametri fisici osservabili dallo spazio e l’avvento di terremoti di grande intensità, ma anche di studiare i meccanismi alla base di queste correlazioni

Roberto Iuppa con il suo gruppo ©Romano Magrone
Pubblicato il - 03 febbraio 2018 - 20:48

TRENTO. C'è anche il Trentino protagonista nella missione spaziale cinese lanciata venerdì e incentrata sullo studio dei terremoti e supportata da una collaborazione scientifica internazionale. Una missione dove la ricerca e la tecnologia trentina giocano ruoli da protagoniste.

 

Responsabile dell'analisi dei dati di HEPD, il rivelatore di particelle a bordo del satellite, sarà infatti un team di ricerca dell’INFN/TIFPA (Trento Institute for Fundamentals Physics Applications), il centro scientifico e tecnologico sviluppato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare con l’Università di Trento, la Fondazione Bruno Kessler e l’Azienda provinciale per i servizi sanitari, mentre nel rivelatore sono presenti i sensori di silicio sviluppati e realizzati nei laboratori di microtecnologia di FBK.

 

Con il progetto Limadou l’Italia, per la prima volta, porta a bordo di una missione cinese un proprio strumento. Si tratta di HEPD (High Energic Particle Detector), un rilevatore sviluppato per misurare le variazioni nel flusso delle particelle che precipitano verso il basso in seguito a perturbazioni generate da fenomeni solari, sismici e antropici. E il lancio di CSES (China Seismo-Electromagnetic Satellite) coinvolge anche chi fa ricerca sulla collina di Trento, ma non solo; infatti per il rivelatore di Limadou, FBK ha sviluppato e realizzato con la propria tecnologia dei chip di quasi 100 cm2, un risultato che pochi al mondo possono essere in grado di assicurare.

 

«La piattaforma orbiterà attorno alla Terra a un’altezza media di 500 chilometri, facendo un giro ogni 90 minuti circa. HEPD acquisirà una grande mole di dati, misurando la quantità di elettroni e protoni di bassa energia nella ionosfera. Questo senza interruzioni, per tutta la durata del programma Limadou» spiega Roberto Iuppa, ricercatore del Dipartimento di Fisica di UniTrento e membro di INFN – TIFPA.

 

Sottolinea: «L’approccio di Limadou è nuovo: gli apparati impiegati finora si limitavano a contare le particelle, mancando di un tracciatore di precisione come quello di HEPD. Con questo strumento si può misurare la direzione di provenienza della particella e ricostruirne la traiettoria. Sarà quindi possibile per la prima volta stabilire con precisione dove e quanto tempo prima dell’osservazione sia stata generata».

 

La missione CSES, che vede l’Italia partner di primo piano con Limadou e HEPD, ha l’obiettivo di identificare e studiare possibili fenomeni precursori sismici di tipo elettromagnetico, ionosferico e magnetosferico. Obiettivo della missione è individuare correlazioni spazio temporali tra le variazioni di parametri fisici osservabili dallo spazio e l’avvento di terremoti di grande intensità, ma anche di studiare i meccanismi alla base di queste correlazioni.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

04 aprile - 19:01

Si tratta di un gruppo di analisi di scenario e un gruppo tecnico operativo per mettere in campo misure concrete sul breve periodo per dare "ossigeno" a chi ne ha bisogno e impostare una manovra di medio-lungo periodo, che inizi a guardare al "dopo" quindi ad uno scenario che abbracci almeno i prossimi 12-24 mesi. Ecco chi sono i 15 nomi scelti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato