Contenuto sponsorizzato

Passo Rolle, sabotata una seggiovia. Il presidente: ''E' successo nell'unica notte senza personale sulle piste''

Rimane aperto l'impianto Cimon. La riapertura dell'impianto Ferrari non è stata ancora decisa. Serviranno dei lavori, non semplici, di sostituzione di un intero cavo

Pubblicato il - 01 dicembre 2018 - 20:19

PASSO ROLLE. E' stato tagliato un cavo, per questo si tratterebbe di un vero e proprio sabotaggio e gli inquirenti stanno seguendo questa pista. E' rimasto chiuso, quest'oggi, l'impianto Ferrari del Passo Rolle. Qualcuno nella notte tra ieri e oggi ha pensato bene di spezzare uno dei fili metallici che compongono la fune, il cavo sul quale si appoggia la seggiovia e che la trasporta in quota o meno.

 

Il tutto, praticamente, alla vigilia dell'apertura degli impianti fissata per questa mattina. Ancora adesso, chiamando il numero delle piste, la segreteria spiega che sono gli impianti Cimon e Ferrari perché tutto era pronto per il via ufficiale alla stagione ma al mattino, poco prima del via, durante il giro di prova, un macchinista si è accorto che qualcosa non andava e ha fermato tutto.

 

"Grazie alla formazione del personale - ha spiegato il presidente della società Giacobbe Zortea - ci si è subito accorti del danno e l'impianto in fase di partenza è stato immediatamente fermato, scaricato e chiuso subito. Sono stati poi avvisati i carabinieri".

 

Al momento non ci sono presunti colpevoli. "Sembra essere stato proprio un dispetto - continua Zortea - ma la società è giovane e io sono presidente da agosto e non ci sono remore riconducibili a noi". 

 

Non si conosce ad ora per quanto tempo l'impianto Ferrari rimarrà chiuso. Occorre sostituire un intero cavo e il lavoro da fare non è semplice.  Al momento è aperto l'impianto Cimon. "Speriamo che i turisti vengano a usare questo impianto - conclude il presidente - perché siamo in una bella località e non si merita queste cose''.

 

I carabinieri, intanto, stanno indagando per cercare di capire cosa possa essere successo e in questo senso possono diventare utili webcam e impianti di videosorveglianza

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato