Contenuto sponsorizzato

Salvini: ''Nel decreto sicurezza la chiusura alle 21 per i negozi etnici''. I Mazziniani trentini: ''Ricorda le leggi razziali''

Non si tratta di una iniziativa contro i negozi stranieri, chiarisce il ministro “Ma un intervento per limitare gli abusi e le irregolarità di alcuni negozi, quasi tutti gestiti da cittadini stranieri, che diventano un ricettacolo di gente che fa casino”

Di gf - 11 ottobre 2018 - 20:01

TRENTO. Chiusura alle 21 per i negozi etnici che “alla sera diventano ritrovo di ubriaconi, spacciatori e casinisti”. Il titolare del Viminale, Matteo Salvini, lo ha annunciato attraverso una diretta su Facebook dal tetto del ministero dell'Interno.

 

Sarà uno degli emendamenti che probabilmente confluiranno nel decreto sicurezza e immigrazione.  Negozi, continua Salvini “ dove si trova gente che beve birra o wisky fino alle tre del mattino”,  “dove pisciano e cagano sul cancello o sulla porta di casa. Non è educato".  

 

Non si tratta di una iniziativa contro i negozi stranieri, chiarisce il ministro “Ma un intervento per limitare gli abusi e le irregolarità di alcuni negozi, quasi tutti gestiti da cittadini stranieri, che diventano un ricettacolo di gente che fa casino”.

 

A rispondere da Trento alle parole del ministro dell'Interno è Massimiliano Piffer,  dell'associazione Mazziniana, definendo le parole di Salvini “terribili”.  “La sua decisione, benché soltanto annunciata in un video – spiega Piffer - riporta infatti alla mente gli anni neri della storia del nostro paese, un passato che sembrava lontano e che invece ora torna attuale”. 

Ascoltare Salvini che parla della eventuale chiusura entro le 21 dei soli negozi etnici, spiegano i mazziniani,  “ha infatti lo stesso sapore di quelle leggi razziali che, durante il ventennio fascista, discriminavano i commercianti ebrei”.  Il discorso del ministro, continua Piffer, “è inoltre condito di tutti quei luoghi comuni e pregiudizi nei confronti degli stranieri e della loro cultura, rimarcati per alimentare quella xenofobia e quel clima di paura generati ad hoc da questo governo. Tutte le forze che credono ancora nei valori di libertà e uguaglianza conquistati con la Repubblica e garantiti dalla Costituzione hanno il dovere di contrastare questa pericolosa deriva razzista favorita da un governo dai tratti sempre più autoritari”.
 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.18 del 22 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 19:47

Primo bilancio di queste elezioni. Il Partito democratico è riuscito nell'impresa di prendere solo 1 punto percentuale in più degli ex amici del Partito autonomista, pur avendo il candidato presidente. Sono riusciti ad azzoppare gli alleati e a confermare solo consiglieri uscenti. Quale futuro? Intanto esulta Tonina mentre per Degasperi è un flop

22 ottobre - 18:12

Claudio Cia entra per il rotto della cuffia, Bezzi, invece, resta escluso. Futura fa due consiglieri come Civica Trentina. Exploit di Tonina con Pt

22 ottobre - 16:43

Crollano Pd e Upt. Tra i grandi delusi anche il Movimento 5 stelle che non arriva nemmeno in doppia cifra. Le Stelle alpine chiudono al terzo posto. Fuori Antonella Valer, Mauro Ottobre e Roberto De Laurentis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato