Contenuto sponsorizzato

Scatta all'alba l'operazione antidroga, in azione 250 carabinieri con unità cinofile e il supporto dell'elicottero

In queste ore stanno setacciando le valli di Fassa, Fiemme e Cembra per eseguire 18 arresti. Nel mirino lo spaccio di eroina e cocaina. L'operazione è denominata "Sciamano"

Pubblicato il - 20 novembre 2018 - 09:07

TRENTO. L'operazione è in corso in queste ore, il blitz è scattato alle 5.30 di questa mattina. Oltre 250 i carabinieri impegnati con l'ausilio delle unità cinofile e dell'elicottero di Laives. Un'operazione antidroga di grandi proporzioni che sta interessando le valli di Fiemme, Fassa e Cembra.

 

L'obiettivo è quello di scardinare l'associazione a delinquere di albanesi e italiani dedita allo spaccio di eroina e cocaina: 18 le ordinanze di custodia cautelare che stanno per essere eseguite su richiesta della Procura della Repubblica di Trento.

 

In mattinata, negli uffici del procuratore capo Sandro Raimondi, i vertici dell'Arma dei Carabinieri terranno una conferenza stampa per rendere noti i particolari dell'operazione denominata "Sciamano". 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato